Sport

pubblicato il 23 novembre 2010

Aprilia Tuareg 4.5, ultimi test prima della Dakar

Il Team Giofil è pronto al Rally più tosto del Pianeta

Aprilia Tuareg 4.5, ultimi test prima della Dakar
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Dakar 2010 - Grande debuttto per Aprilia - anteprima 1
  • Dakar 2010 - Grande debuttto per Aprilia - anteprima 2
  • Dakar 2010 - Grande debuttto per Aprilia - anteprima 3
  • Dakar 2010 - Grande debuttto per Aprilia - anteprima 4
  • Dakar 2010 - Grande debuttto per Aprilia - anteprima 5
  • Dakar 2010 - Grande debuttto per Aprilia - anteprima 6

Manca pochissimo al via della Dakar 2011 e come tutti sanno, il regolamento prevede la partecipazione delle moto ufficiali per le sole cilindrate di 450 cc.
Se KTM è dunque in difficoltà, visto che ha sempre partecipato con la 690 (ma la 450 la stanno sviluppando da un po’), altre Aziende, quali Aprilia, sono impegnate da diverso tempo con la cilindrata più "piccola" con una bicilindrica.
Questo significa che il team italiano Giofil (Ufficiale Aprilia), è in una posizione di vantaggio rispetto alla Casa Austriaca, riferimento per le gare di Rally.

Prima di imbarcare la moto per il Sudamerica, il team Giofil ha eseguito la bellezza di tre giorni di test in territorio spagnolo, parte su una pista da cross nelle vicinanze di Barcellona e parte su piste particolarmente veloci (per testare la stabilità alle alte velocità) site nella Baja Aragon, presso Saragozza.

Il collaudatore dell’Aprilia Tuareg 4.5 non poteva essere che l’espertissimo Matteo Graziani, plurititolato nel Campionato Motorally e nel Campionato Raid TT. Un ottimo collaudatore dunque, che ha sviluppato e raffinato ulteriormente la moto che poi sarà affidata anche quest’anno al cileno Chaleco Lopez, già in grande evidenza alla
Dakar 2010.
Tre giorni di test in cui si è lavorato sodo, in particolare sul propulsore, cercando diverse soluzioni sia per l’impianto di scarico che per le più svariate mappature della centralina elettronica.

Come già anticipato sopra però, non si è tralasciata certo la ciclistica, lavorando sulla taratura delle sospensioni, elemento indispensabile per le moto da Rally che affrontano tratti velocissimi su sabbia, o lentissimi sulle pietre e i canali.
Tra i vari test, sono stati provati differenti leveraggi del monoammortizzatore, è stato cambiato l’offset delle piastre forcella e sono state provate diverse tarature, per ottenere a detta del team, un risultato eccellente.

Tutte le modifiche che sono state ritenute valide, sono già state trasferite sulle moto in fase di allestimento nel reparto corse di Aprilia Racing, ovvero le ufficiali affidate a Francisco Lopez e a Gerard Farres. Ma dei miglioramenti ne beneficeranno anche gli altri piloti, a partire dagli altri alfieri del Team Giofil Alex Zanotti, Alain Duclos e Joan Barreda.

Graziani stesso, si è detto molto soddisfatto: "La moto dopo questi tre giorni di prove è diventata molto diversa da quella che ho usato in gara al Faraoni. Le nuove soluzioni adottate la rendono ancora più maneggevole e stabile sul veloce, due cose apparentemente non compatibili, ma siamo riusciti a trovare un compromesso eccellente. La moto si guida più facilmente di prima, ma soprattutto ha raggiunto una stabilità nei tratti a tutta manetta che la fanno sembrare su un binario".

freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Aprilia RXV 4.5 Dakar 2010 - anteprima 1
  • Aprilia RXV 4.5 Dakar 2010 - anteprima 2
  • Aprilia RXV 4.5 Dakar 2010 - anteprima 3
  • Aprilia RXV 4.5 Dakar 2010 - anteprima 4
  • Aprilia RXV 4.5 Dakar 2010 - anteprima 5
  • Aprilia RXV 4.5 Dakar 2010 - anteprima 6

Autore: Fabio Caliendo

Tag: Sport , enduro , gare , dakar , piloti


Top