Special e Elaborazioni

pubblicato il 20 ottobre 2010

Elenore V8: se due cilindri non bastano

L'incredibile trasformazione di Dieter Hartmann-Wirthwein

Elenore V8: se due cilindri non bastano
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Ducati Elenore V8 - anteprima 1
  • Ducati Elenore V8 - anteprima 2
  • Ducati Elenore V8 - anteprima 3
  • Ducati Elenore V8 - anteprima 4
  • Ducati Elenore V8 - anteprima 5
  • Ducati Elenore V8 - anteprima 6

La passione per i motori e la meccanica non conosce davvero limiti e spesso l’inventiva dei tecnici supera la fantasia. Stiamo parlando oggi di Dieter Hartmann-Wirthwein, tecnico tedesco appassionato di trasformazioni motoristiche stravaganti.
La sua ultima, incredibile opera, è stata presentata all’Intermot 2010 in veste statica, ma presto il motore verrà avviato per i primi collaudi.
Ma di cosa stiamo parlando? Della solita, ennesima Special su base Ducati? No, qui ci troviamo di fronte ad una trasformazione che ha dell’incredibile, per atipicità e genialità dell’invenzione.
Dieter Hartmann-Wirthwein, ha progettato e brevettato un proprio cinematismo per trasformare un semplice bicilindrico a V Ducati, in un motore 8 cilindri

Sì avete capito bene, l’appassionato tedesco è riuscito ad inserire ben otto cilindri, laddove in origine ne esistevano solo due. Cerchiamo di capire come è stato possibile eseguire un lavoro tanto complicato quanto geniale.

Il tecnico tedesco ha preso il motore di una Ducati 900 Supersport due valvole a carburatori e ci ha impiantato sopra due gruppi termici così congegnati: quattro cilindri singoli vengono montati su un basamento ausiliario che si fissa al posto del cilindro, attraverso il quale passa la biella originale. Sul piede di biella viene fissato un supporto a V sul quale vengono montati i due pistoni centrali della bancata.
I due pistoni laterali, invece, vengono mossi attraverso un cinematismo ausiliario, realizzato attraverso quattro corte biellette e due bilancieri infulcrati a metà, tra un cilindro e l’altro.
Le testate sono anch’esse singole e alloggiano due valvole ciascuna, mentre il loro comando è monoalbero in testa e il moto passa dal basamento ad esso attraverso l’alberino che sul motore originale aziona le cinghie. Hartmann ha costruito un carterino che contiene probabilmente due ingranaggi, dai quali si dipartiranno due catene che azioneranno gli alberi a camme tramite un ingranaggio posto tra la prima e la seconda testata sulla destra.

La genialità del meccanismo, che Dieter Hartmann-Wirthwein ha brevettato, può essere ammirata nel video che vi mostriamo qui sotto. Le misure caratteristiche del motore sono di 56 x 44 mm, ottenute ricostruendo anche l’albero motore, che portano la cilindrata complessiva a 868 cm3. La fase di test dovrebbe iniziare proprio mentre scriviamo, e Dieter si aspetta di ottenere dal suo motore una potenza di circa 80 cavalli.
Torneremo sull’argomento non appena riceveremo ulteriori notizie.

Ducati Elenore V8

Il funzionamento del cinematismo del motore Ducati Elenore V8

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Special e Elaborazioni , curiosità , tecnica , intermot2010


Top