Novità

pubblicato il 6 ottobre 2010

Kawasaki Z1000SX 2011

Dettagli e foto ufficiali di una delle regine di Intermot 2010

Kawasaki Z1000SX 2011
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Kawasaki Z1000SX 2011 - anteprima 1
  • Kawasaki Z1000SX 2011 - anteprima 2
  • Kawasaki Z1000SX 2011 - anteprima 3
  • Kawasaki Z1000SX 2011 - anteprima 4
  • Kawasaki Z1000SX 2011 - anteprima 5
  • Kawasaki Z1000SX 2011 - anteprima 6

La Kawasaki a Intermot 2010 ha confermato le attese che precedevano il salone di Colonia, presentando tante novità di rilievo che consentiranno alla Casa di Akashi di essere sicura protagonista del mercato 2011. Una di esse è sicuramente la Z1000SX, moto che è innegabilmente figlia di questi tempi di crisi. Le Case giapponesi stanno infatti cercando di consolidare le linee di prodotto senza ricorrere a voli pindarici troppo azzardati e la Z1000SX è il perfetto esempio di moto "intelligente" che, pur derivando in larga parte da un altro modello, porta con sé un'immagine nuova e personale, staccandosi nettamente dalla Z1000 nuda di cui è figlia.
Dopo avervi presentato le immagini in anteprima, siamo ora pronti a scendere nello specifico delle sue caratteristiche, dopo l'unveiling dell'Intermot.
Il cliente tipo cui la Z1000SX vuole rivolgersi è il motociclista che, stanco di supersportive sempre più dedicate alla pista, vuole una moto che gli offra sì prestazioni elevate e divertimento nella guida a solo, ma che gli permetta anche di viaggiare in coppia per lunghi tragitti senza affaticarsi e portando con sé il bagaglio. Rovesciando il punto di vista, però, questa moto potrebbe anche essere l'ideale per chi arriva da una naked di media cilindrata e vuole fare il salto su una maxi, provando il comfort che solo un cupolino può offrire.

TECNICA CONSOLIDATA
La Kawasaki Z1000SX è realizzata sull'ottima base ciclistica è motoristica della Z1000 model year 2010, quindi ritroviamo il robusto telaio doppio trave superiore in lega leggera che passa sopra al motore e l'avantreno dotato di forcella completamente regolabile a steli rovesciati da 41 mm. L'impianto frenante è il medesimo, dotato di dischi con profilo ondulato e pinze Tokico ad attacco radiale.
Il retrotreno arriva anch'esso integralmente dalla Z 1000, con il bel forcellone a due bracci in lega leggera con regolazione della tensione catena tramite eccentrici. L'ammortizzatore è montato in posizione orizzontale sopra il forcellone ed è azionato tramite il nuovo leveraggio progressivo Kawasaki Back-Link, con bilanciere posto sopra il forcellone anziché sotto; sistema ripreso ad Akashi anche sulla nuova ZX-10R 2011.
La meccanica è anch'essa invariata rispetto alla Z1000 nuda; il motore è quindi il nuovo 1.043 cm3 presentato lo scorso anno, un modernissimo quadricilindrico in linea con distribuzione bialbero sedici valvole e raffreddamento a liquido, accreditato di ben 138 CV a 9.600 giri/min e di 110 Nm di coppia massima a 7.800 giri/min.

EQUIPAGGIAMENTO DA TOURER
Assodato che la tecnica di base della nuova Z1000SX è comune alla sorella nuda, concentriamoci su ciò che rende la "sport-touring" Kawasaki una moto nuova, e quindi l'equipaggiamento esteriore. Come evidente, la moto è ora dotata di una carenatura abbastanza protettiva, che fonde insieme la protettività di un modello da turismo alle forme appuntite di una moto supersportiva.
La praticità è assicurata da un ampio cupolino con plexiglas regolabile su tre posizioni che copre la nuova strumentazione. Il sottile pannello Lcd della Z1000 è stato infatti sostituito da un cruscotto più ampio con contagiri analogico affiancato dall'immancabile schermo a cristalli liquidi.
Per offrire una posizione di guida rialzata e confortevole è stata cambiata la piastra di sterzo superiore per montare i semimanubri rialzati. Per garantire un'autonomia sufficiente a viaggiare in coppia è stato ridisegnato il serbatoio per aumentarne la capacità da 15 a 19 litri, senza rovinarne l'estetica. Non si vede, ma anche il vano sottosella è stato ridisegnato raddoppiandone il volume poiché, probabilmente, parte dell'impianto elettrico lì normalmente dislocato è stata spostata davanti, all'interno della carenatura.
L'ultimo particolare che distingue la Z1000SX dalla versione nuda è l'adozione di una coppia di maniglie laterali dedicate al passeggero e il diverso sellino a questi dedicato.

Torneremo presto sull'argomento, visto che a fine mese voleremo in Spagna per provare in anteprima la Z1000SX. Restate in contatto!

freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Kawasaki ad Intermot 2010 - anteprima 1
  • Kawasaki ad Intermot 2010 - anteprima 2
  • Kawasaki ad Intermot 2010 - anteprima 3
  • Kawasaki ad Intermot 2010 - anteprima 4
  • Kawasaki ad Intermot 2010 - anteprima 5
  • Kawasaki ad Intermot 2010 - anteprima 6

Kawasaki Z1000 SX 2011

Kawasaki Z1000 SX 2011

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Novità , naked , intermot2010


Top