Sport

pubblicato il 2 febbraio 2006

Rossi e Ferrari...

Vale a Valencia a sette decimi da Schumacher...

Rossi e Ferrari...
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Rossi e Ferrari... - anteprima 1
  • Rossi e Ferrari... - anteprima 2
  • Rossi e Ferrari... - anteprima 3
  • Rossi e Ferrari... - anteprima 4
  • Rossi e Ferrari... - anteprima 5

Torna il sereno, in tutti i sensi, sulla testa di Valentino Rossi: con pista asciutta e due giorni di test alle spalle, il sette volte campione iridato del motomondiale ha fatto fermare i cronometri ad appena sette decimi da Michael Schumacher.

Se non è un record poco ci manca anche se, non c'è dubbio, la F2004 è una vettura forse più performante rispetto alla nuovissima 248 F1 in mano al "caposquadra" tedesco.
E non parliamo tanto di motore V10, a detta dei tecnici della Rossa portato ai livelli di potenza del V8 di quest'anno, ma di soluzioni aerodinamiche di notevole rilevanza: alcuni ingegneri in tuta rossa hanno dichiarato che il vantaggio gentilmente omaggiato dalla F2004 è di circa 1 secondo.

In ogni caso sono dettagli di poco conto: benchè ne dicano Rossi ed i ferraristi, questo test assieme agli altri piloti è certamente servito a misurare l'abilità dell'italiano in una sessione di prove vera, a stretto contatto con le vetture degli altri team non certamente presenti per svolgere il ruolo di comprimarie; in termini di prestazioni assolute, infatti, le giornate di prove a Fiorano e Mugello dovrebbero aver già tolto a Jean Todt & Co. ogni tipo di dubbio. 

"E' stato un test molto interessante - parla Valentino Rossi - considerato che, per la prima volta, mi trovavo a girare con una Formula 1 insieme ad altri piloti. Devo dire che mi sono trovato a mio agio e non ho avuto particolari problemi: magari devo fare un po' d'esperienza di guida sul bagnato! Come sempre, l'accoglienza della Ferrari è stata fantastica: è un gruppo molto unito e mi sono sentito quasi in famiglia con Michael, con Felipe, con i tecnici e i meccanici. Non sono venuto qui per dimostrare nulla a nessuno ma soltanto per approfondire la mia conoscenza di una monoposto di Formula 1 e ringrazio la Ferrari per continuare ad offrimi questa opportunità. Nei prossimi mesi ci saranno altri test ma ora torno alle moto, che sono in cima ai miei pensieri. Io, come la Ferrari, ho un impegno da affrontare: entrambi abbiamo un mondiale da giocarci e, possibilmente, da vincere!"

Ah, quasi dimenticavamo i tempi: Schumacher 1'11"640 (43 giri), Massa 1'11"288 (50 giri), Valentino 1'12"362 (53 giri).

Che dire...bravo Rossi!

Autore: Redazione

Tag: Sport , motogp


Top