Sport

pubblicato il 5 settembre 2010

WSBK 2010, Nurburgring, gara 2: Ecco Haga!

Il giapponese senza contratto vince d'autorità

WSBK 2010, Nurburgring, gara 2: Ecco Haga!

Una gara con il cuore in mano. Questo è ciò che ha fatto Noriyuki Haga al Nurburgring nella seconda manche del GP di Germania. Dopo aver avuto la meglio su un coriaceo Carlos checa - poi caduto - il giapponese della Ducati Xerox ha mantenuto un ritmo elevatissimo che nemmeno il vincitore di gara-1, Jonathan Rea, è riuscito a seguire. Al traguardo la commozione del suo team era palpabile, mista alla rabbia per la decisione della Casa madre di interrompere l'impegno ufficiale in SBK dal 2011.

Sul terzo gradino del podio sal Leon Haslam, a lungo insidiato da Cal Crutchlow dopo che entrambi avevano avuto la meglio su un Biaggi non molto a posto con l'assetto della sua RSV4, tanto da doversi guardare le spalle da un convincente Guintoli con la seconda Suzuki Alstare.

Distacchi importanti dalla settima posizione in poi. A guidare il trenino del secondo gruppo è stato Sykes con la Kawasaki ufficiale, abbastanza solitario fino al traguardo. Il suo inseguitore infatti, Toseland, è giunto con quasi 4 secondi di ritardo, tallonato dalla Bmw di Xaus a sua volta seguito da vicinissimo dalla Ducati Althea di Byrne che chiude la top ten.

Dietro all'inglese sono arrivati Smrz con l'Aprilia Pata B&G e Corser con l'altra S1000RR. Nella battaglia delle Ducati privatissime ha vinto Lanzi (DFX) su Scassa (Supersonic), con grande vantaggio sul plotone degli "ultimi", tra cui spicca Fabrizio con la Ducati Xerox, attardato da un problema tecnico e ripartito dopo una sosta ai box.

Ora il vantaggio di Biaggi su Haslam è di 58 punti (oggi il romano ne ha persi solo due sull'inglese) e quindi i festeggiamenti per il Mondiale sono, eventualmente, rimandati a Imola a fine mese.

WSBK 2010, Nurburgring, gara 2 - 05/09/2010
1 41 Haga N. (JPN) Ducati 1098R 38'43.565 (159,18 kph)
2 65 Rea J. (GBR) Honda CBR1000RR 3.061
3 91 Haslam L. (GBR) Suzuki GSX-R1000 8.060
4 35 Crutchlow C. (GBR) Yamaha YZF R1 8.457
5 3 Biaggi M. (ITA) Aprilia RSV4 Factory 9.392
6 50 Guintoli S. (FRA) Suzuki GSX-R1000 9.556
7 66 Sykes T. (GBR) Kawasaki ZX 10R 16.819
8 52 Toseland J. (GBR) Yamaha YZF R1 20.564
9 111 Xaus R. (ESP) BMW S1000 RR 21.040
10 67 Byrne S. (GBR) Ducati 1098R 21.168
11 96 Smrz J. (CZE) Aprilia RSV4 Factory 21.734
12 11 Corser T. (AUS) BMW S1000 RR 22.746
13 57 Lanzi L. (ITA) Ducati 1098R 24.526
14 99 Scassa L. (ITA) Ducati 1098R 28.218
15 76 Neukirchner M. (GER) Honda CBR1000RR 38.406
16 95 Hayden R. (USA) Kawasaki ZX 10R 1'08.039
17 15 Baiocco M. (ITA) Kawasaki ZX 10R 1'21.294
18 33 Lai F. (ITA) Honda CBR1000RR 1'21.362
19 84 Fabrizio M. (ITA) Ducati 1098R 1'38.427
RET 5 Lowry I. (GBR) Kawasaki ZX 10R
RET 7 Checa C. (ESP) Ducati 1098R

Autore: Costantino Paolacci

Tag: Sport


Top