Sport

pubblicato il 27 agosto 2010

2011: Spies conferma il passaggio alla "ufficiale"

"È una di quelle cose che tutti sanno, ma che ancora non si possono dire..."

2011: Spies conferma il passaggio alla "ufficiale"

L'annuncio ufficiale non è ancora stato dato, ma dopo le parole "di stima" del grande capo Lin Jarvis e la sorpresa di vederlo "operativo" in sella ad una M1 in configurazione 2011 nei test di Brno si era già capito che Spies sarebbe stato l'erede di Rossi nel team ufficiale.

Una conferma che oggi arriva anche dallo stesso interessato, il quale molto candidamente ha dichiarato: "È una di quelle cose che tutti sanno, ma che ancora non si possono dire, anche se si dovrebbe sapere qualcosa di preciso nei prossimi giorni. Non vedo l'ora che arrivi il prossimo anno ovviamente!"

Protagonista di un gran race-weekend a Brno, il texano si è concesso qualche ora di svago prima della corsa di Indianapolis giocando a basket con Rik Smits, centro degli Indiana Pacers negli anni '80 ed oggi grande appassionato di moto: "Mi sono divertito un sacco ed è stato fantastico incontrare Rik Smits - ha dichiarato Spies - un grande dei suoi tempi. Avrei voluto giocare ancora un po' ma non volevo rischiare di peggiorare la situazione della mia caviglia..."

Per quanto concerne la corsa di Indianapolis Ben non si sbilancia, ma è chiaro che ha tutte le carte in regola per fare molto bene: "Speriamo di fare bene perché sarebbe bello trovare il miglior risultato davanti al mio pubblico, sicuramente faremo del nostro meglio."

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top