Sport

pubblicato il 17 agosto 2010

MotoGP: già in pista la Yamaha M1 2011

Ben Spies e Lorenzo velocissimi con la "laboratorio"

MotoGP: già in pista la Yamaha M1 2011
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Brno, test day, Yamaha M1 2011 - anteprima 1
  • Brno, test day, Yamaha M1 2011 - anteprima 2
  • Brno, test day, Yamaha M1 2011 - anteprima 3
  • Brno, test day, Yamaha M1 2011 - anteprima 4
  • Brno, test day, Yamaha M1 2011 - anteprima 5
  • Brno, test day, Yamaha M1 2011 - anteprima 6

L'ultima della dinastia Yamaha M1 800, la versione 2011, è scesa in pista questa mattina nell'ultima giornata ufficiale di test 2010 messa in calendario dalla Dorna. Molto diversa nel look rispetto al modello attualmente in uso a Rossi, Lorenzo, Edwards e Spies, la "versione laboratorio" del prototipo che scenderà in pista il prossimo anno non sarà solamente più armonico nelle forme ma dovrebbe portare con sé alcune novità di ciclistica

Ponendo come punto fermo il quattro cilindri in linea 800 a scoppi irregolari, su cui non ha più senso investirci molto per via dell'avvento del nuovo regolamento nel 2012, i tecnici di Iwata hanno lavorato sodo per perfezionare quella che si è rivelata la moto da battere anche nel 2010, forse attingendo dagli ultimi consigli dettati da Valentino Rossi prima della partenza.

Leggermente diversa nel telaio e nel forcellone, la nuova moto utilizza una nuova forcella Ohlins 2011 che nella giornata di oggi è stata portata in pista anche dagli altri piloti ufficiali. Tutti tranne uno, ovviamente: Valentino Rossi, infatti, potrà utilizzare la nuova forcella se e solo se Jorge Lorenzo la delibererà per la stagione 2010. Se così non dovesse essere, il tavulliano la ritroverà certamente sulla Ducati Desmosedici a partire dai primissimi test che verranno effettuati il giorno dopo l'ultima corsa di Valencia.

La M1/2011 era disponibile in due esemplari: la prima è stata data ovviamente a Lorenzo mentre la seconda è stata affidata a Spies, che l'anno prossimo affiancherà Lorenzo nella squadra ufficiale.

Jorge è parso molto soddisfatto della prima uscita visto che è risultato nettamente il più veloce in pista con un tempo di 1'56"269, vale a dire ben sei decimi più rapido di Casey Stoner sulla Ducati, l'autore del secondo tempo della giornata che è stata interrotta in anticipo dalla pioggia.

Foto: Mirco Lazzari/Grazia Neri

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top