Sport

pubblicato il 13 agosto 2010

Ufficiale: il futuro di Rossi dopo il GP di Brno

#46 annuncerà il passaggio alla Ducati questa domenica

Ufficiale: il futuro di Rossi dopo il GP di Brno

E' venuto finalmente il momento della verità per Valentino Rossi. Dopo la corsa di Brno, infatti, lo stesso campione di Tavullia annuncerà ufficialemente il suo futuro. Non si tratta dell'ennesima ipotesi a riguardo, perchè questa volta è stato lo stesso interessato a rivelare tempi e modi dell'annuncio durante la classica conferenza stampa che il giovedì precede il weekend di gara.

Brno, insomma, nuovo punto di partenza per la carriera di Rossi. Una storia sportiva fatta di incredibili successi, tutti conquistati nella massima classe in sella a moto giapponesi. Questa volta potrebbe e dovrebbe essere quella giusta per rivederlo "fidanzato" ad una italiana...a qualche anno di distanza da quelle Aprilia 125 e 250 che gli regalarono le prime vittorie ed i primi allori iridati: la moto che guiderà il prossimo anno, infatti, sarà una Ducati Desmosedici GP11.

A passare da Iwata a Borgo Panigale, anche se in realtà la sede operativa di Yamaha MotoGP è a Gerno di Lesmo (MB), non sarà solamente "The Doctor": in Ducati, grazie anche alla presenza di sponsor munifici, sembra che si voglia fare le cose sul serio...tanto che a cambiare casacca saranno anche alcuni tecnici oggi presenti nel box #46, a partire naturalmente dalla mente tecnica: Jeremy Burgess.

Il passaggio di Rossi alla Ducati, a fronte di uno Stoner in Ducati, chiude un po' "il giro" dei top driver nella massima classe: Lorenzo rimarrà in Yamaha, Pedrosa probabilmente in Honda con Stoner mentre Spies passerà dalla Yamaha Tech3 a quella ufficiale lasciata libera da Valentino. In Ducati si attende la conferma di Hayden.

Rimane da capire cosa farà Dovizioso: l'italiano quest'anno è andato forte ed in HRC non hanno alcuna intenzione di perderlo, più che altro per la sua capacità di sviluppo della moto. Non è un caso, infatti, che da quando lo "ascoltano" la RC212V si sia rimessa a filare come il vento: nel caso in cui non si dovesse concretizzare la terza moto Honda ufficiale per Pedrosa o Stoner (in un team specifico, come ai tempi di Rossi), l'italiano potrebbe essere "girato" con materiale ufficiale al team Gresini, al posto di un Marco Melandri a cui è stato offerto un importante contratto su carta intestata BMW Motorrad WSBK.

Tra le moto interessanti da piazzare ci sono anche le due Yamaha Tech3. Con Spies sulla ufficiale ed Edwards punta di diamante in Ducati WSBK, nel caso in cui Dovizioso non dovesse trovare un accordo per rimanere dov'è Yamaha ha fatto sapere di essere disponibile al dialogo...mentre la seconda sembra essere stata già assegnata alla stella Yamaha della WSBK Cal Crutchlow.

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top