Sport

pubblicato il 2 agosto 2010

WSBK 2010, Silverstone a corrente alternata per BMW

Due moto in Q3 sabato ma domenica da dimenticare

WSBK 2010, Silverstone a corrente alternata per BMW
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • WSBK 2010, Silverstone, Team BMW Motorrad - anteprima 1
  • WSBK 2010, Silverstone, Team BMW Motorrad - anteprima 2
  • WSBK 2010, Silverstone, Team BMW Motorrad - anteprima 3
  • WSBK 2010, Silverstone, Team BMW Motorrad - anteprima 4
  • WSBK 2010, Silverstone, Team BMW Motorrad - anteprima 5
  • WSBK 2010, Silverstone, Team BMW Motorrad - anteprima 6

E' stato un weekend a fortune alterne quello della BMW sulla pista di Silverstone. Dopo l'exploit che ha portato il team di Monaco ad essere l'unico presente nell'ultima fase della Superpole con entrambe le moto, infatti, ne Corser ne Xaus sono riusciti a ripetere una buona performance l'indomani in gara. Solo decimo in gara 1 e protagonista di una rovinosa caduta in gara 2, Corser, diciassettesimo e undicesimo il compagno di squadra Xaus.

Qualcosa di positivo anche in corsa, in ogni caso, si è visto: Troy, infatti, ha fatto vedere il potenziale della S1000RR prima lottando prima con Toseland e subito dopo con Biaggi. Proprio nella lotta con l'italiano, nella fase di chiusura del sorpasso alla Copse, una buca ha mandato a pacco la forcella chiudendo irrimediabilmente lo sterzo della quadricilindrica tedesca.

"Sono dispiaciuto per come è andata. La prima corsa - ha dichiarato Corser - è stata terribile a causa di problemi alle gomme. In gara due avevo fatto alcune modifiche e tutto andava per il verso giusto fino alla caduta. Peccato."

"La prima corsa è stata un disastro. Non avevo grip - ha dichiarato Xaus - e la moto andava da tutte le parti. Ho finito solo diciassettesimo. In gara due ho provato a cambiare alcune corse ma purtroppo sono incappato in una cattiva partenza che non mi ha permesso di dare seguito con un buon risultato ad una capacità della mia moto di farmi tenere un passo più veloce e costante. Abbiamo imparato molto per il futuro."

"E stato un weekend da dimenticare - ha dichiarato Berthold Hauser, BMW Motorrad Motorsport Director - perchè ci aspettavamo di più da entrambe i piloti. Abbiamo avuto problemi di grip in gara 1 a causa dello scarso know-how che abbiamo su questa pista mentre in gara 2, grazie ad alcune modifiche, la nostra performance è migliorata anche se non siamo riusciti a capitalizzare. Vorrei comunque cogliere l'occasione per fare i miei complimenti al Team BMW Motorrad Italia STK, che con Ayrton Badovini ha vinto il campionato con tre gare d'anticipo. Hanno fatto davvero un ottimo lavoro."

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top