Sport

pubblicato il 2 agosto 2010

WSBK 2010, Silverstone: weekend nero per la Rossa

Solo un quarto per Ducati con Fabrizio. Haga da dimenticare

WSBK 2010, Silverstone: weekend nero per la Rossa
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • WSBK 2010, Silverstone, Team Ducati Xerox - anteprima 1
  • WSBK 2010, Silverstone, Team Ducati Xerox - anteprima 2
  • WSBK 2010, Silverstone, Team Ducati Xerox - anteprima 3
  • WSBK 2010, Silverstone, Team Ducati Xerox - anteprima 4
  • WSBK 2010, Silverstone, Team Ducati Xerox - anteprima 5
  • WSBK 2010, Silverstone, Team Ducati Xerox - anteprima 6

Iniziato relativamente bene, con la terza posizione in griglia di Fabrizio, il weekend della Ducati a Silverstone si è presto trasformato nell'ennesimo capitolo nero di una stagione 2010 da dimenticare: dopo il quarto posto di gara 1, infatti, Fabrizio è stato costretto al ritiro in gara 2 mentre Haga ha chiuso come spesso accaduto quest'anno nelle retrovie.

Una situazione, quella del giapponese, che sembra essere definitivamente compromessa sia da un punto di vista squadra che da quello con il rapporto con la moto: il suo feeling con la 1098R, infatti, non sembra certo essere quello dello scorso anno e nonostante le numerose modifiche apportate in corso d'opera dai tecnici di Borgo Panigale il suo rendimento è molto lontano da quello del suo compagno di team.

Compagno che nella scorsa stagione veniva regolarmente bastonato e che quest'anno appare come un puntino rosso all'orizzonte, forse l'unico oggi in grado di tenere in qualche occasione alta la bandiera di una moto che non sembra avere più il mordente giusto per tenere il passo delle quadricilindriche italiane e giapponesi. Urge una rivoluzione, che arriverà nel a fine 2011 con la nuova Superbike 1199, ma anche un'evoluzione che permetta ad Edwards o a chi prenderà il posto di Haga il prossimo anno di non perdere morale nell'attesa di salire in sella ad una moto che si annuncia molto diversa da quella attuale: motore a V di 90° - e non più a L - e telaio di derivazione Desmosedici (anche se in alluminio) permetteranno infatti alla Rossa di spostare avanti il motore ed allungare il forcellone, a tutto vantaggio della distribuzione dei pesi e della motricità fuori dalle curve.

Michel Fabrizio (Gara 1 – 4° , Gara 2 – DNF)
"Come ci aspettavamo, tutti i piloti britannici erano veramente in forma qui oggi e in Gara 1 ho dovuto fare di tutto per stare lì con loro. Non c’è stato molto da fare quando Haslam mi ha sorpassato, ma comunque sono soddisfatto del quarto posto a dire la verità. In Gara 2 avevo il posteriore che si muoveva tanto e dopo aver perso troppo terreno sono rientrato al box per provare a cambiare la gomma, tornato in pista mi sono accorto che nulla era cambiato ed essendo già fuori zona punti mi sono ritirato dalla gara."

Noriyuki Haga (Gara 1 – 14° , Gara 2 - 13°)
"In Gara 1 avevo problemi uscendo dalle curve perché la gomma posteriore scivolava molto e non potevo aprire il gas come volevo e non è stato possibile recuperare. Abbiamo fatto delle modifiche prima di gara 2 ma non mi ha migliorato il feeling con la moto. Sembrava che mi mancasse la trazione necessaria e non ho potuto spingere più di tanto. E’ stato un weekend molto difficile."

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top