Sport

pubblicato il 29 luglio 2010

WSBK 2010, Silverstone: Biaggi festeggia le 100 partenze

Nuova riga nel curriculum vitae del romano

WSBK 2010, Silverstone: Biaggi festeggia le 100 partenze

Il prossimo GP d'Inghilterra, quart'ultima tappa della WSBK 2010, sarà per Max Biaggi forse solo il primo degli importanti traguardi di quest'anno: con la partecipazione a Gara1, infatti, Max raggiungerà le 100 partenze nel mondiale per derivate di serie. 50 GP e non sentirli: un risultato importante, soprattutto per un vecchietto che nei giorni a cavallo del dominio di Misano ha compiuto 39 anni, in cui il campione romano ha vissuto bei momenti in sella alla Suzuki (vittoria al debutto nella categoria) e GP decisamente meno fortunati in sella alla stessa GSX-R del team Alstare ed alla Ducati 1098 RS di Borciani.

Con l'arrivo in Aprilia molte cose sono cambiate: la moto, innanzitutto, certamente la migliore del gruppo, ma anche le persone che compongono il team...alcune delle quali presenti nei magici anni che l'hanno visto conquistare tre mondiali di fila (il quarto con la Honda) in sella ad una RSW250. Ma non solo: Biaggi sembra essere cambiato anche come uomo. E' più maturo e rilassato ed il merito forse va ad un'altro pezzo di vita nato in veneto, la moglie ex-miss Italia Eleonora Pedron, con la quale ha saputo costruire una famiglia molto unita.

Difficile dire se Max riuscirà a coronare il bel traguardo della prossima domenica con una vittoria. Il potenziale della moto c'è e, sconnessioni a parte, le caratteristiche della pista sembrano essere ideali per non spezzare troppo il ritmo e consentire all'Aprilia di distendere la falcata, cosa che le riesce particolarmente bene sui circuiti medio-veloci.

"Arrivare a questo punto della stagione con 68 punti di vantaggio sul più diretto inseguitore - ha dichiarato Biaggi - è un risultato stupefacente, soprattutto considerando che siamo al nostro secondo anno nel Mondiale con una moto nuova. Ora che siamo lì davanti non vogliamo certo farci scappare l’occasione, stiamo meritando ogni singolo risultato visto il grande lavoro mio e del Team. Silverstone è un tracciato nuovo per tutti, credo che già dalle prime prove si potrà avere un’idea abbastanza precisa dei valori in campo. Noi temiamo soprattutto le sconnessioni dell’asfalto, visto che la RSV4 sembra non digerirle troppo bene, ma sappiamo anche dove intervenire. Le gare di Misano e la seconda di Brno hanno dimostrando che il lavoro paga e i piccoli problemi non sono certo ostacoli insormontabili. Il mio obiettivo per questa gara è nei top quattro."

Ci si attende due belle manche anche da Leon Camier, che corre per la prima volta il GP di casa: "Aspettavo con ansia questa gara - ha dichiarato l'inglese -. Dobbiamo partire col piede giusto, trovare subito un buon ritmo e non commettere errori. Quando le cose filano lisce e riusciamo a lavorare bene, nessun risultato è impossibile. Sarà comunque un weekend infuocato, ci sono sei inglesi scatenati che cercheranno qui l’exploit ed un paio di wild card da non sottovalutare. Partiamo tutti dallo stesso livello visto il circuito nuovo, speriamo di non andare in crisi sulle sconnessioni e di divertirci qui a Silverstone!"

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top