Sport

pubblicato il 26 luglio 2010

8 Ore di Suzuka 2010: dominio Honda

Tre CBR sul podio e fantastica corsa di Jonathan Rea

8 Ore di Suzuka 2010: dominio Honda

Era partito con l'idea di vincerla e se non fosse stato per una sua banale caduta e due stop&go inflitti al compagno di team, Jonathan Rea sarebbe anche riuscito a ripetere un'impresa che è stata anche di Valentino Rossi nel 2001: quella di vincere la 8 Ore di Suzuka al debutto.

La "strana coppia" del team FCC-TSR, nonostante non abbia centrato la vittoria, è stata la "vincitrice morale" della corsa, grazie ad una condotta di gara estremamente aggressiva che li ha portati a rimontare più volte dalle posizioni di rincalzo a suon di tempi record: non è un caso, dunque, se il giro più veloce della corsa - 2'08"705 - sia stato ottenuto da loro mentre risalivano dalla 42esima posizione.

"Prima di tutto ringrazio il mio team e I miei tifosi giapponesi - afferma Rea - è stata una giornata dura a causa di alcuni imprevisti ed errori di cui non sono troppo felice. Eppure, lavorando bene con Akiyoshi che non smetteva mai di ripetermi "non mollare, vai avanti" siamo stati in grado di centrare la terza piazza. Spero di avere un'altra chance di partecipare di nuovo alla 8 Ore di Suzuka."

Il podio della corsa è stato completamente dominato dalla Honda, grazie anche alla caduta che ha messo fuori causa il team Yoshimura Suzuki, con il gradino più alto occupato da Ryuichi Kyionari e Takumi Takahashi (Musashi RT HARC-PRO Honda) e quello alla destra dei vincitori da Shinishi Itoh e Makoto Tamada (Keihin Kohara Honda).

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top