Sport

pubblicato il 8 luglio 2010

Kawasaki ZX-10R 2011: conclusi i test a Suzuka

Due giorni di prova fondamentali per il proseguimento dello sviluppo

Kawasaki ZX-10R 2011: conclusi i test a Suzuka
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Kawasaki ZX-10R Ninja 2011 - Test Suzuka - anteprima 1
  • Kawasaki ZX-10R Ninja 2011 - Test Suzuka - anteprima 2
  • Kawasaki ZX-10R Ninja 2011 - Test Suzuka - anteprima 3
  • Kawasaki ZX-10R Ninja 2011 - Test Suzuka - anteprima 4
  • Kawasaki ZX-10R Ninja 2011 - Test Suzuka - anteprima 5
  • Kawasaki ZX-10R Ninja 2011 - Test Suzuka - anteprima 6

Si è conclusa la seconda ed ultima giornata di test sulla pista di Suzuka per la nuova Kawasaki ZX-10R 2011 in allestimento SBK. Dopo aver debuttato ufficialmente ieri con Hidemichi Takahashi, la nuova "verde" di Akashi vestita del bellissimo abito in carbonio con cui si è presentata, nei giorni scorsi, al grande pubblico.

I due giorni di test non sono certamente serviti al Kawasaki Racing Team per andare alla ricerca del tempo, ma più semplicemente per capire quanto e come le basi del nuovo progetto siano valide nei confronti della ZX-10R di precedente generazione. Non è un caso, infatti, se nel box adiacente a quello della "2011" vi fosse una coppia di "2010" anch'esse in allestimento WSBK da utilizzare per raffronti immediati.

Una raccolta dati che verrà presa seriamente in considerazione all'ufficio R&D anche per la definizione del modello stradale, che in comune con la WSBK deve avere elementi strutturali fondamentali come il telaio ed carter: è probabile anche se non certo, dunque, che nelle prossime uscite i tecnici nipponici provino diverse configurazioni di telaio e di posizionamento del motore all'interno di esso, così da poter omologare una struttura che non ponga particolari vincoli o limitazioni in ambito racing.

La ZX-10R 2011 come la RSV4 e la S1000RR, infatti, ha seguito una genesi inversa rispetto alle SBK di precedente generazione, convertendosi da moto da corsa in prodotto stradale e non viceversa.

Tra gli elementi interessanti che ieri avevamo omesso nell'articolo relativo alla prima giornata di test, la scelta di utilizzare sospensioni Showa anche nel modello da corsa: scontata, quindi, la presenza della eccellente Showa BPF (Big Piston Fork) anche sulla 1000 oltre che sulla già nota ZX-6R. Qualche dubbio, invece, sul mantenimento dell'impianto frenante Brembo, scelta invece "obbligata" in ambito racing.

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top