Attualità e Mercato

pubblicato il 4 luglio 2010

Mercato 2010: segno negativo anche in giugno

Bene solo maxi moto ed enduro. Male scooter e piccole cilindrate

Mercato 2010: segno negativo anche in giugno

Continua il segno negativo per il mercato delle due ruote. Lo stop degli incentivi e il maltempo intaccano negativamente il trend di vendita dei motocicli in Italia. Giugno, infatti, chiude confermando l’andamento negativo degli ultimi mesi con un forte calo delle immatricolazioni (veicoli maggiori di 50 cc) che si fermano a 39.236 unità vendute (-33,4%). Soffrono soprattutto gli scooter che si confrontano con un giugno 2009 che era stato particolarmente positivo, grazie agli incentivi di 500 euro per veicolo stanziati in quel periodo. In questo mese sono stati venduti 27.503 pezzi con un calo del -34,6%. Le moto presentano una situazione meno pesante con 11.733 vendite (-16,7%), confermando comunque un ridimensionamento significativo. I "cinquantini" si fermano a 13.610 registrazioni (50cc) pari a -14% .

LE CAUSE
"La mancanza di incentivi ha generato un contraccolpo sul mercato che si è rivelato più accentuato del previsto" afferma Corrado Capelli, Presidente di Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori). "Il calo delle vendite ha comportato anche un minor ricambio del parco circolante, con effetti negativi anche per le emissioni. Come abbiamo già sottolineato il Ministero dello Sviluppo Economico potrebbe intervenire riallocando le risorse stanziate per gli incentivi, premiando le categorie che hanno risposto meglio allo stimolo della domanda, con positivi ritorni per tutta la filiera di settore."

-22% GLI SCOOTER
Il primo semestre del 2010 chiude con 194.689 immatricolazioni -19%, pari a oltre 45.000 veicoli in meno rispetto all’anno scorso. Il segmento scooter con 32.172 unità vendute segna un -22% nelle immatricolazioni. Le moto con 62.517 scendono a -11,9% (anche se va sottolineato che erano già in calo nello stesso periodo del 2009). Le previsioni di inizio anno erano certamente più ottimiste.

125 IN CONTRAZIONE
L’analisi per cilindrata evidenzia un decremento generalizzato in linea con l’andamento di mercato, anche se gli scooter tra 300-500cc contengono le perdite con 50.787 vendite (-7,2%), la contrazione è più evidente per i 125cc, con 39.001 unità (-30,3%), i 150-200cc con 28.797 unità (–25,7%) e i 250cc con 12.581 pezzi venduti (-32,8%).

CRESCONO LE MAXI MOTO
Nel comparto moto salgono le maxi cilindrate oltre i 1000cc con 16.913 immatricolazioni (+11,8%) a scapito delle cilindrate più contenute come le 600cc con 7.095 unità (-37,7%) e le 650-750cc con 14.230 (-27,5%). Confermano i propri volumi le 800-1000cc con 15.396 (-0,4%).

BENE LE ENDURO STRADALI
A livello di segmenti si consolida l’andamento positivo per le enduro stradali con 15.372 veicoli venduti (+4,4%). Bene le supermotard con 5.433 pezzi (+5,4%), le custom 6.595 unità (+5,1%) e le moto da turismo con 4.373 immatricolazioni (+25,1%). Tali risultati penalizzano soprattutto il segmento più importante delle naked che si ferma a 22.204 pezzi (-26,5%) e le sportive (7.643 pezzi ossia -24,5%).
Il mercato dei ciclomotori (50cc) nei primi 6 mesi registra 46.521 vendite pari al -6%.

-16,6 CON I 50
Nel complesso le vendite di veicoli maggiori di 50cc sommati ai ciclomotori (50cc) sviluppano un mercato totale delle 2 ruote nel primo semestre 2010 di 241.210 unità, pari a -16,6% rispetto allo stesso periodo del 2009.

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato


Top