Curiosità

pubblicato il 18 giugno 2010

Pikes Peak 2010: Greg Tracy sulla Ducati Multistrada 1200

Il video delle prove

Pikes Peak 2010: Greg Tracy sulla Ducati Multistrada 1200
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Ducati Multistrada 1200 - le prove alla Pikes Peak 2010 - anteprima 1
  • Ducati Multistrada 1200 - le prove alla Pikes Peak 2010 - anteprima 2
  • Ducati Multistrada 1200 - le prove alla Pikes Peak 2010 - anteprima 3
  • Ducati Multistrada 1200 - le prove alla Pikes Peak 2010 - anteprima 4
  • Ducati Multistrada 1200 - le prove alla Pikes Peak 2010 - anteprima 5
  • Ducati Multistrada 1200 - le prove alla Pikes Peak 2010 - anteprima 6

Quando Ducati presenta un nuovo modello c'è sempre qualcuno che, in un modo o nell'altro, pensa che sia possibile usarlo per competere in qualche gara importante. La "colpa" è del DNA racing della Casa di Borgo Panigale che fa venire il prurito al polso a piloti e giornalisti specializzati di tutto il mondo.

Stavolta tocca alla nuova Multistrada 1200, l'eclettica granturismo 'on-off road' dotata delle mappature denominate Riding Mode capaci di trasformare il carattere della bicilindrica bolognese a seconda delle necessità di guida del motociclista.

Creg Tracy, vincitore di cinque edizioni della gara nel Colorado, porterà una Multistrada 1200, in configurazione praticamente stock, in cima alla Pikes Peak 2010, l'incredibile corsa stradale in salita soprannominata "Race to the Clouds" per il dislivello (quasi 1.440 metri) tra partenza e arrivo.

Dopo 20 km e 156 curve i piloti tagliano il traguardo al termine di un percorso pazzesco, con curve ad alta velocità e senza protezioni verso il basso, quindi con il rischio di precipatare per centinaia di metri in caso di scivolata!

Tra le caratteristiche della salita anche un lungo tratto sterrato, velocissimo, con allunghi da oltre 200 kmh e curve da affrontare in derapata e piede a terra per svoltare il più velocemente possibile e massimizzare l'accelerazione.

La Multistrada 1200, per chi ancora avesse dei dubbi sulle sue possibilità di affrontare l'off-road, non solo se la cava benissimo fuori dall'asfalto, ma sembra dare al pilota una certa fiducia anche sui tratti più veloci.

Godetevi il video: panorami mozzafiato e una soggettiva su percorso e manubrio che rende l'idea di quanto "manico" e coraggio ci vogliano per affrontare 20 km a tutto gas a pochi metri dal precipizio!

Autore: Costantino Paolacci

Tag: Curiosità


Top