Abbigliamento

pubblicato il 13 giugno 2010

Dainese: debutta l'airbag "stradale" al TT 2010

Passaggio di consegne tra Jorge Lorenzo e Guy Martin sull'Isola

Dainese: debutta l'airbag "stradale" al TT 2010
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Dainese D-Air Racing: debutto su strada - anteprima 1
  • Dainese D-Air Racing: debutto su strada - anteprima 2
  • Dainese D-Air Racing: debutto su strada - anteprima 3
  • Dainese D-Air Racing: debutto su strada - anteprima 4

Dopo aver passato la fase di collaudo definitiva ed essere entrato nella dotazione di serie di una tuta MotoGP Dainese, una nuova fase del progetto D-air è iniziata: il sistema racing è pronto per il lancio sul mercato e passa il testimone alla definizione del sistema stradale, l’obiettivo più ambizioso perseguito dall’azienda di Molvena sin dal 2000.

Anni di studio, progettazione e test sui campi di gara e nei circuiti, in stretta collaborazione con i piloti Dainese, dai grandi campioni ai giovani esordienti, hanno finalmente portato alla finalizzazione del D-air racing. Le competizioni sono sempre state un prezioso banco di prova per verificare l’avanzamento del progetto e per apportare le corrette modifiche: le cadute di Marco Simoncelli, gli high side di Michi Ranseder e l’impegno costante di Jorge Lorenzo hanno reso possibile un veloce avanzamento dei tempi di realizzazione.

È proprio all’Isola di Man che idealmente avviene l’incontro tra i due sistemi: il Tourist Trophy è l’anello di congiunzione, il passaggio obbligato per integrare il know-how acquisito con lo sviluppo del D-air racing nel progetto dedicato alla versione stradale. Dal 2007 Dainese, assieme a Guy Martin, effettua test importanti sul Mountain Course. I primi due anni sono stati dedicati al rilevamento dati per lo sviluppo della versione racing: il sistema airbag integrato nella tuta di Martin, ha permesso di rilevare dati fondamentali per definire il comportamento medio del sistema su un percorso accidentato come quello del TT, molto diverso dai circuiti di Moto GP.

Quest’anno invece il pilota del Lincolnshire sarà equipaggiato con un sistema di acquisizione differente, specificamente studiato per la raccolta dati, utili alla messa a punto del progetto stradale.

Jorge Lorenzo e Guy Martin sono quindi i due piloti Dainese protagonisti dell’ambizioso progetto Dair, che hanno contribuito e contribuiscono in maniera significativa ad alimentarlo e farlo crescere. Il loro incontro al TT è un importante simbolo della continuità di sviluppo dei due sistemi. Nel terzo anno di sponsorizzazione del Tourist Trophy in qualità di Safety Partner, Dainese ribadisce l’importanza delle competizioni per un’attività di Ricerca e Sviluppo finalizzata all’innovazione tecnologica e al miglioramento dei sistemi di protezione nello sport. In questa prospettiva il circuito dell’Isola di Man acquisisce una rilevanza fondamentale: non più gara pericolosa e da mettere al bando, ma campo di prova coraggioso e vero, su cui condurre test e operare concretamente per la sicurezza.

Autore: Redazione

Tag: Abbigliamento


Top