Novità

pubblicato il 10 giugno 2010

NCR Millona16

Cuore MotoGP e tecnologia da F1 per l'opera italiana

NCR Millona16
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • NCR Millona16 - anteprima 1
  • NCR Millona16 - anteprima 2
  • NCR Millona16 - anteprima 3
  • NCR Millona16 - anteprima 4
  • NCR Millona16 - anteprima 5
  • NCR Millona16 - anteprima 6

Perfetta sintesi tra uno dei migliori motori mai visti in MotoGP, tecnologia nella lavorazione dei materiali nobili e cura maniacale per il dettaglio, la nuova NCR Millona16 di cui vi avevamo già parlato nei giorni scorsi si è finalmente materializzata nel contesto che più le si addice: quello di una pista da Mondiale come quella di Misano Adriatico.

Oggetto da sogno, oltre che da pista, la creatura svelata nelle ore che segnano l'apertura del WDW 2010 riprende a piene mani i concetti di moto semicarenata espressi dalla tradizionale Millona, pur mostrandosi estremizzata sotto ogni punto di vista.

Cuore del progetto è ovviamente il propulsore quattro cilindri a V di 90° strettamente derivato dalla Ducati GP6 che ha corso nella stagione 2006. Rispetto all'unità montata sulle 1.500 Desmosedici RR di serie, i CV sono 200 alla ruota (prima erano all'albero) grazie ad alcuni interventi meccanici che vanno oltre il sistema di scarico in titanio...di cui, però, NCR non ha fatto menzione.

Rispetto alla Desmosedici RR cambia anche il telaio, ora completamente in fibra di carbonio, così come è stato completamente riprogettato anche il forcellone, che rimane a doppio braccio ma anch'esso realizzato in materiale composito. In fibra di carbonio sono realizzati anche serbatoio, reggisella, kit aspirazione airbox, parafango ant, carena anteriore, telaietto anteriore e il supporto luci anteriore e posteriore

1.430 mm di interasse, la nuova NCR Millona16 pesa appena 145 kg (incluso cablaggio stradale, luci e frecce...) ed utilizza sospensioni di derivazione MotoGP: la forcella è una Ohlins FGR000 con offset regolabile, mentre il moto è il TTX progressivo completamente regolabile. Diverse, rispetto alla Desmosedici RR, anche le ruote: i cerchi, infatti, sono da in carbonio da 17" gommati Metzeler Racetec 120/70 e 190/55.

Non manca nulla nemmeno in termini di elettronica: il sistema di controllo è realizzato dalla NCR ed è molto compatto e leggero. Integra cablaggio stradale (solo su richiesta) ed include il controllo di trazione regolabile e l'acquisizione dati completa (forcella anteriore e mono posteriore inclusi).

Tra le particolarità, oltre alla viteria completamente in titanio, segnaliamo che nello stesso materiale sono stati realizzati il tappo serbatoio asgancio rapido, i semimanubri NCR, il coperchio frizione, mentre il trapezio superiore, inferiore ed il cannotto di sterzo sono ricavati dal pieno in alluminio con trattamento nipploy-titanio.

Prezzo? A richiesta. Ma non aspettatevi che costi come una "banalissima" Desmosedici RR...

Autore: Redazione

Tag: Novità


Top