Curiosità

pubblicato il 7 giugno 2010

Valentino Rossi fermo dopo 230 partenze consecutive

Primo stop forzato in 14 anni di carriera mondiale

Valentino Rossi fermo dopo 230 partenze consecutive
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • L\'incidente di Valentino Rossi al Mugello - anteprima 1
  • L\'incidente di Valentino Rossi al Mugello - anteprima 2
  • L\'incidente di Valentino Rossi al Mugello - anteprima 3
  • L\'incidente di Valentino Rossi al Mugello - anteprima 4
  • L\'incidente di Valentino Rossi al Mugello - anteprima 5
  • L\'incidente di Valentino Rossi al Mugello - anteprima 6

Ci voleva una brutta frattura per fermare Valentino Rossi. In più di 14 anni di carriera è la prima volta che il campione di Tavullia non prende il via di un GP iridato. Cominciò l'incredibile striscia positiva a 16 anni nel GP di Malesia, in sella all'Aprilia 125, e dopo ben 230 semafori verdi consecutivi il Mugello di quest'anno è stato il primo stop forzato per Valentino Rossi.

Attualmente ricoverato presso il Centro Traumatologico Ortopedico di Firenze a seguito dell'intervento chirurgico di sabato per curare la gamba destra fratturata, Valentino Rossi dovrà restare fuori dal circus mondiale per non meno di due mesi ma probabilmente anche di più.

Il team non ha fretta di farlo rientrare, preferendo un suo totale recupero per averlo di nuovo al 100%, e lo stesso portavoce del Fiat Yamaha Team, William Favero, dopo le immediate voci di sostituzione con un altro top rider, ha fatto sapere che questa opzione è tutta da valutare e che anzi, molto probabilmente, sulla M1 di Valentino potrebbe salire un "signor nessuno", come ad esempio uno dei collaudatori giapponesi del team sviluppo MotoGP.

Una cosa è certa: Rossi già manca a tutti. Gli avversari, pur ritrovandosi senza il più ostico dei pretendenti al titolo, sono ben consapevoli che senza una "pedina" come Valentino ci sono un sacco di punti iridati "vacanti" e che, conquistarli senza "The Doctor" in pista, è molto più semplice. Jorge Lorenzo ha avuto dimostrazioni di stima (affetto?) quasi commoventi, con un cartello di saluti in griglia di partenza e la sua maglietta #46 sul podio, mentre il vincitore del Mugello, Dani Pedrosa, senza giri di parole ha affermato che "la gara sarebbe stata diversa con Valentino in pista".

Ora team, tifosi e appassionati dovranno avere un po' di pazienza: come recitava uno striscione esposto al Mugello Valentino è passato "da 'Dottore' a paziente"... ma tornerà!

Autore: Costantino Paolacci

Tag: Curiosità


Top