Novità

pubblicato il 26 maggio 2010

Kawasaki KX450F 2011

Una "quattroemmezzo" pronto-gara

Kawasaki KX450F 2011
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Kawasaki KX450F 2011 - anteprima 1
  • Kawasaki KX450F 2011 - anteprima 2
  • Kawasaki KX450F 2011 - anteprima 3
  • Kawasaki KX450F 2011 - anteprima 4
  • Kawasaki KX450F 2011 - anteprima 5
  • Kawasaki KX450F 2011 - anteprima 6

La "quattroemezzo" di Akashi è stata oggetto di importanti aggiornamenti frutto dello sviluppo operato sulle moto ufficiali e che, con il model year 2011, vengono messi a disposizione di tutti i piloti MX1.

TANTI RITOCCHI
Il monocilindrico a iniezione da 449 cc, inclinato di soli 3° per ottimizzare il centro di gravità, presenta un nuovo pistone rinforzato grazie a nervature più robuste e all'area dello spinotto di tipo 'bridged-box'. L'equilibratura complessiva si giova di un albero motore dal diverso bilanciamento che riduce le vibrazioni e contribuisce al miglioramento dell'erogazione ai bassi e medi regimi. Per lo stesso scopo c'è ora un nuovo volano generatore, un circuito di accensione ottimizzato e mappature della centralina modificate. Il cambio ha ora un alberino a creamagliera dal diametro maggiore (ora da 18 mm) per incrementarne la precisione. I progettisti hanno avuto un occhio di riguardo anche per la rumorosità, con modifiche sostanziali al sistema di scarico, da 115 dB per l'Europa e 94 dB per gli Stati Uniti.

INIEZIONE SENZA BATTERIA
Come già sulla KX250F 2011, anche la KX450F si giova del sistema di iniezione senza batteria, grazie al sistema di avviamento che fornisce l'elettricità necessaria alla corretta alimentazione fin dal primo giro dell'albero motore. In sequenza l'energia arriva alla centralina, alla pompa della benzina e all'iniettore, per partenze senza problemi sia a motore freddo che in temperatura di esercizio.
La centralina è posizionata di fronte al cannotto di sterzo e incorpora il relé della pompa benzina per una maggiore resistenza a vibrazioni e sollecitazioni estreme. L'azionamento del corpo farfallato da 43 mm avviene tramite due leveraggi progressivi che simulano la progressività del flusso d'aria garantito dai carburatori a valvola piatta, ciò fino a una determinata apertura, dopo la quale c'è una risposta più reattiva. L'iniettore, inclinato di 45°, è a 12 fori e nebulizza particelle di benzina da 60 μm. E per garantire un flusso di carburante costante anche nelle condizioni più estreme, la pompa carburante è stata dotata di un coperchio per filtro in gomma che avvolge il condotto di aspirazione e funge da
pozzetto del carburante: un tubo flessibile di ritorno carburante, proveniente dal regolatore di pressione, garantisce la costante presenza di carburante nel pozzetto.

RITOCCHI OVUNQUE
La distribuzione prevede albero a camme asimmetriche, valvole in titanio (asp. 36 mm, scar. 31 mm), scodellini delle molle valvola in alluminio e doppie molle valvola. Il tendicatena poi è dotato poi di registro a vite e molla di pressione automatica.
Sulla testata i condotti di aspirazione hanno uno speciale rivestimento che li rende più lisci in modo da massimizzare la velocità di riempimento della camera di combustione. Ci sono poi nuovi radiatori (spessore 32 mm, larghezza 127,8 mm) che grazie alla maggiore robustezza non richiedono staffe di sostegno. Per avviamenti rapidi è presente un sistema di decompressione automatico sull'albero a camme di scarico.

CICLISTICA MONDIALE
Il telaio perimetrale in alluminio della KX450F è una struttura leggera composta da parti forgiate, estruse e fuse. Il suo bilanciamento ha avuto come obiettivo principale il miglioramento della trazione, la riduzione della tendenza all'impennata, una maggiore sensazione di stabilità della ruota anteriore e una migliorata precisione in curva. La struttura mantiene sostanzialmente il layout del model year 2010 ma ci sono modifiche relative alla flessibilità laterale. Le staffe di supporto del motore sono ora in acciaio con spessore 4,5 mm contro gli 8 mm delle precedenti in alluminio.

UNI-TRAK E AOS
Il braccio della sospensione posteriore si trova sotto il forcellone, in modo da allungare la corsa utile per una funzionalità migliorata della regolazione del monoammortizzatore.
La forcella Kayaba è del tipo AOS - con aria e olio separati - per una maggiore stabilità di rendimento. I componenti interni sono più leggeri complessivamente di 100 grammi e gli steli presentano il rivestimento DLC che, unito al trattamento 'Kashima Coat' per l'interno dei foderi, massimizza la scorrevolezza.

PRONTO GARA
Non mancano preziose finiture racing. I freni a disco hanno profilo a margherita, il manubrio è un Renthal in alluminio, il mozzo posteriore non presenta nervature e i raggi delle ruote sono conici; queste ultime hanno finitura "nero alumite" per un look davvero racing. Bellissimi anche i registri delle sospensioni, in "blu alumite". Una Kawa da corsa non può che essere nero-verde, in questo caso con grafiche derivate dalla livrea delle moto ufficiali, applicata su plastiche realizzate con processo di formatura a doppia iniezione.

La KX450F 2011 arriverà nei concessionari a settembre 2010. Prezzo non ancora comunicato.

Autore: Redazione

Tag: Novità


Top