Novità

pubblicato il 30 dicembre 2005

Ducati Monster S4RS

130 CV per la naked di Borgo Panigale

Ducati Monster S4RS
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Ducati Monster S4RS - anteprima 1
  • Ducati Monster S4RS - anteprima 2
  • Ducati Monster S4RS - anteprima 3
  • Ducati Monster S4RS - anteprima 4
  • Ducati Monster S4RS - anteprima 5
  • Ducati Monster S4RS - anteprima 6

Il cupolino, il doppio scarico sovrapposto, la banda colorata che corre lungo le sue forme ed il classico monobraccio, la identificano subito come appartenente a quell’universo sportivo Monster che in ducati usano chiamare SR.
Però, a ben guardarla, questa SR ha qualcosa di diverso e non parliamo solamente di dettagli, ma di vere e proprie soluzioni tecniche…degne della superbike di casa.

Innanzitutto il nome, S4RS, fa subito capire che anche questa volta a Borgo Panigale hanno fatto sul serio: questa abbondanza di S e di R da un po’ alla testa e gioca un po’ a fare lo scioglilingua, ma poi vai a scoprire che sotto si nasconde il bicilindrico Testastretta ed a far girare la testa è il pensiero di...poterla guidare.

130 CV (13 in più della S4R), una vagonata di coppia ai regimi intermedi ed una ciclistica da riferimento. L’avantreno, come citato dalla cartella stampa, è letteralmente “mutuato” dalla 999: ecco dunque la forcella Ohlins a steli rovesciati da 43 millimetri, con trattamento TiN, e dotata di tutte le possibilità di regolazione del precarico e dell’idraulica.

Ohlins è anche il monoammortizzatore, che anche in questo caso appartiene alla serie più professionale, con numerose possibilità di taratura in compressione, estensione e precarico. I punti di contatto della ciclistica con la famiglia 999 non si fermano qui ma proseguono con l’adozione di cerchi con razze a Y che garantiscono ottimi valori di rigidità e di leggerezza.
Notevole anche l’impianto frenante a doppio disco da 320 millimetri, che appartiene al top di gamma stradale Brembo: radiali le pinze e radiale anche la pompa idraulica.

Il telaio rispetta il classico schema a traliccio di tubi in acciaio a sezione tonda ed è abbinato ad forcellone monobracio in alluminio che lascia in bella vista la parte destra del bel cerchio Marchesini.

Il prezzo non ancora stato reso noto, mentre per quanto concerne i colori vi possiamo dire che ducati ne ha previsti tre: perla con banda rossa, rosso con banda bianca e nero con banda grigia. Telaio rosso per le prime due, nero per l’ultima mentre la scelta cromatica dei cerchi è ricaduta sul nero per la rossa e la nera e sul bianco per la perla.

Autore: Emiliano Perucca

Tag: Novità , strada , 1000 , naked


Top