Sport

pubblicato il 16 maggio 2010

WSBK 2010, Kyalami, Gara-2: Haslam eroico

Lezione di grinta del britannico della Suzuki

WSBK 2010, Kyalami, Gara-2: Haslam eroico

Gara 2 è una battaglia dal primo all'ultimo giro. Scattano bene tutti i protagonisti di gara 1 ma a ruoli invertiti, con le Ducati di Fabrizio e Checa dietro le 4 cilindri di Honda, Suzuki e Aprilia.

Rea va al comando delle operazioni dal secondo giro seguito da Haslam e Biaggi. Il romano prende le misure al pilota Suzuki e lo passa poco dopo. Sembra che Max e la 4 cilindri veneta possano avere la meglio anche sulla Honda di Rea invece a metà gara Haslam si riprende la seconda posizione.

La pista sudafricana è ostica per i sorpassi, i varchi sono pochi ed essendo tutti al limite trovare uno spazio per infilarsi è difficile. Haslam supera e viene risuperato immediatamente da Rea un paio di volte grazie a spettacolari incroci di traiettorie, ma la Honda sembra davvero in forma e capace di rintuzzare qualsiasi attacco.

Biaggi pare avere "in canna" l'attacco ma il margine è troppo risicato per tentare davvero un sorpasso. Così si arriva al penultimo giro con Rea ancora davanti, Haslam secondo e Biaggi terzo. E' qui che Haslam fa il colpaccio, con una staccata perfetta prima di una stretta curva a destra che riesce a percorrere comunque con traiettoria stretta.

Per due giri la Suzuki di Leon sembra spinta da una forza soprannaturale... Prende qualche metro di "sicurezza" sulla Honda di Rea e mette al sicuro un primo posto fondamentale per la classifica. Biaggi infatti rimane terzo e se ne va dal Sudafrica con 15 punti di distacco rispetto ad Haslam, uno svantaggio notevolmente incrementato considerando i 3 punti "sotto" con cui era arrivato nell'emisfero australe.

Crutchlow e Checa hanno fatto da spettatori alle "sportellate" dei primi tre, senza perdere terreno ma nemmeno avendo la concreta possibilità di attaccarli. A partire dalla sesta posizione i distacchi sono più consistenti: Toseland con la Yamaha è a oltre 13 secondi e poco dietro di lui arrivano Corser, non male con la Bmw e Fabrizio, vicintore di gara-1 e stranamente in affanno nella seconda manche.

Nona e decima altre due Ducati, quella di Smrz e quella di Haga, irriconoscibile. Undicesimo Xaus con l'altra Bmw, a oltre 21 secondi dal primo.

WSBK 2010, Kyalami, Gara 2 - 16/05/2010
1 91 Haslam L. (GBR) Suzuki GSX-R1000 39'52.870
2 65 Rea J. (GBR) Honda CBR1000RR 0.522
3 3 Biaggi M. (ITA) Aprilia RSV4 Factory 0.601
4 35 Crutchlow C. (GBR) Yamaha YZF R1 0.991
5 7 Checa C. (ESP) Ducati 1098R 1.479
6 52 Toseland J. (GBR) Yamaha YZF R1 13.324
7 11 Corser T. (AUS) BMW S1000 RR 13.740
8 84 Fabrizio M. (ITA) Ducati 1098R 14.250
9 96 Smrz J. (CZE) Ducati 1098R 15.190
10 41 Haga N. (JPN) Ducati 1098R 16.790
11 111 Xaus R. (ESP) BMW S1000 RR 21.101
12 99 Scassa L. (ITA) Ducati 1098R 22.670
13 67 Byrne S. (GBR) Ducati 1098R 24.506
14 66 Sykes T. (GBR) Kawasaki ZX 10R 31.301
15 50 Guintoli S. (FRA) Suzuki GSX-R1000 31.836
16 77 Vermeulen C. (AUS) Kawasaki ZX 10R 33.710
17 76 Neukirchner M. (GER) Honda CBR1000RR 35.203
18 23 Parkes B. (AUS) Honda CBR1000RR 55.929
19 95 Hayden R. (USA) Kawasaki ZX 10R 56.074
20 15 Baiocco M. (ITA) Kawasaki ZX 10R 1'08.481
RET 2 Camier L. (GBR) Aprilia RSV4 Factory
RET 32 Morais S. (RSA) Aprilia RSV4 Factory

Autore: Costantino Paolacci

Tag: Sport


Top