Sport

pubblicato il 9 maggio 2010

WSBK 2010, Monza, Gara-1: domina Biaggi

Il superteam italiano in testa dall'inizio alla fine

WSBK 2010, Monza, Gara-1: domina Biaggi

E' stato un grandissimo Biaggi il protagonista di gara 1 a Monza. Il pilota italiano ha dominato la gara dall'inizio alla fine, subendo a tratti gli avvicinamenti dei suoi più diretti avversari ma riuscendo sempre a resistere con la sua solita guida pulita e redditizia.

L'Aprilia RSV4 è ormai stracompetitiva e non ha nulla da invidiare alle migliori giapponesi né alla Ducati. Gli avversari di Biaggi sono stati fondamentalmente tre: Toseland, Crutchlow e Haslam, con le due Yamaha più incisive della veloce Suzuki. Ci sarebbe stato anche Rea con la Honda se a due terzi di gara non avesse perso l'anteriore in ingresso alla parabolica finendo gambe all'aria. Simpatica l'immagine di Johnny che cerca la moto dopo la caduta e non la trova perché è finita sulle gomme oltre le barriere...

Un attacco di Crutchlow a Toseland permette a Biaggi di prendere un margine di un secondo che riesce a mantenere solo per qualche giro, infatti James è una furia e riscavalca il compagno di squadra trovando lo spunto per ricongiungersi a Max. Negli ultimi giri la leadership del romano sembra in pericolo perché Toseland nelle varianti gli è davvero vicino, ma Biaggi è davvero bravo a sfruttare l'ottima velocità di punta che la sua RSV4 gli permette. Il quarto posto di Haslam è un toccasana per la classifica di Biaggi. Ed è buono il quinto posto di Camier a 4,5 secondi dal compagno di squadra.

Finisce così, con Max festeggiatissimo da tutto il team e la famiglia e una volata tra le due Yamaha che spunta Toseland. Per gara 2 c'è da scommettere su un Rea desideroso di rivincita e ancora sulle due Yamaha. E se Fabrizio riuscirà a partire bene sarà sicuramente della partita anche la sua Ducati.

In ombra tutti gli altri. Le Bmw vanno forte ma non riescono a tenere il ritmo dei primi, Haga risale dalle retrovie e acchiappa un deludente undicesimo posto. In difficoltà tutte le Ducati private, che fanno un "trenino" dal 13esimo al 17esimo posto. Benino la Kawasaki, con Sykes nono a 15 secondi dalla vetta. Brutto volo in highside per la Suzuki Yoshimura guidata da Sakai.

WSBK 2010, Monza, Gara 1 - 09/05/2010
1 3 Biaggi M. (ITA) Aprilia RSV4 Factory 31'07.044
2 52 Toseland J. (GBR) Yamaha YZF R1 0.247
3 35 Crutchlow C. (GBR) Yamaha YZF R1 0.297
4 91 Haslam L. (GBR) Suzuki GSX-R1000 0.958
5 2 Camier L. (GBR) Aprilia RSV4 Factory 4.493
6 111 Xaus R. (ESP) BMW S1000 RR 7.343
7 84 Fabrizio M. (ITA) Ducati 1098R 7.369
8 11 Corser T. (AUS) BMW S1000 RR 9.344
9 66 Sykes T. (GBR) Kawasaki ZX 10R 15.338
10 50 Guintoli S. (FRA) Suzuki GSX-R1000 16.761
11 41 Haga N. (JPN) Ducati 1098R 16.921
12 76 Neukirchner M. (GER) Honda CBR1000RR 22.231
13 67 Byrne S. (GBR) Ducati 1098R 22.602
14 7 Checa C. (ESP) Ducati 1098R 22.742
15 96 Smrz J. (CZE) Ducati 1098R 26.266
16 99 Scassa L. (ITA) Ducati 1098R 26.415
17 57 Lanzi L. (ITA) Ducati 1098R 26.968
18 77 Vermeulen C. (AUS) Kawasaki ZX 10R 36.964
19 95 Hayden R. (USA) Kawasaki ZX 10R 51.646
20 23 Parkes B. (AUS) Honda CBR1000RR
RET 71 Sakai D. (JPN) Suzuki GSX-R1000
RET 65 Rea J. (GBR) Honda CBR1000RR
RET 31 Iannuzzo V. (ITA) Honda CBR1000RR
EX 15 Baiocco M. (ITA) Kawasaki ZX 10R

Autore: Costantino Paolacci

Tag: Sport


Top