Curiosità

pubblicato il 7 maggio 2010

Ducati vince al Grand National Flat Track 2010

Joe Kopp davanti a tutti con una 2 valvole da dirt track

Ducati vince al Grand National Flat Track 2010
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Ducati vince al Grand National Flat Track 2010 - anteprima 1
  • Ducati vince al Grand National Flat Track 2010 - anteprima 2
  • Ducati vince al Grand National Flat Track 2010 - anteprima 3
  • Ducati vince al Grand National Flat Track 2010 - anteprima 4
  • Ducati vince al Grand National Flat Track 2010 - anteprima 5
  • Ducati vince al Grand National Flat Track 2010 - anteprima 6

Ducati si è aggiudicata la sua prima vittoria nella serie Grand National Flat Track, in occasione della prima prova del campionato USA disputata sabato 3 maggio sul circuito dello Yavapai Downs Mile.

Questa vittoria rappresenta il primo significativo successo, in 29 anni di storia di Grand National Twins, per un motore di produzione: dal 1981 solo motori da gara prodotti in serie limitata (Honda RS750 e Harley-Davidson XR750) e messi a punto appositamente per il flat track, si sono imposti nel campionato "Twins National".
 
La gara inaugurale di questa stagione è la terza presenza in assoluto per Ducati ad una Grand National. Il "Lloyd Brothers Motorsports Ducati Flat Track Project" è iniziato appena un anno fa, quando il pilota Ducati di Superbike Larry Pegram ha coinvolto l’amico e co-proprietario di un team di flat track, David Lloyd, convincendolo sul potenziale del motore Ducati da 992 cc raffreddato ad aria, di cui aveva intuito il grande potenziale per gare di flat track.
 
Pegram Racing e Lloyd Brothers Motorsports hanno unito le forze per costruire una moto specifica da dirt track partendo da una Ducati Sport 1000. Dopo un rapido test effettuato da Pegram, la moto è stata iscritta allo Springfield Mile 2009, dimostrandosi fin dalle qualifiche un‘avversaria pericolosissima per le Harley-Davidson che, da sempre, dominano questo tipo di gare, conquistando il diritto di accesso alla fase finale della prova, riservata ai migliori 18 piloti.

Con diverse modifiche, introdotte durante l’estate (tra le quali il motore da 1078 cc preso in prestito dalla Ducati Hypermotard e un telaio sportivo personalizzato), Pegram ha partecipato alla gara di Indy Mile dove ha mancato di una sola posizione la qualifica per la gara finale.
 
Facendo tesoro del bagaglio di esperienza accumulato nella stagione 2009, la moto che gareggia attualmente può essere considerata come la terza generazione, derivata da un costante processo di sviluppo e messa a punto. Nella gara inaugurale della stagione 2010, il pilota Joe Kopp ha piazzato la Ducati sul gradino più alto del podio. Dopo essere partito in testa, Kopp ha disputato una gara fantastica, animando un confronto diretto con un avversario del calibro di Halbert, riuscendo a superarlo sfruttandone la scia nel giro conclusivo e tagliando così il traguardo con un vantaggio di appena 25 millesimi!
 
Questa gara rappresenta un evento particolarmente significativo, perché Ducati ha interrotto il dominio di Harley Davidson in questo campionato, impresa che non era riuscita a nessun altro costruttore negli ultimi 17 anni. La prossima gara per il team ENI USA R&M / Lloyd Brothers Motorsports Ducati sarà la celebre Springfield Mile, in calendario il prossimo 30 maggio, che vedrà la partecipazione straordinaria di Larry Pegram su una seconda moto a fianco di Joe Kopp.

Autore: Redazione

Tag: Curiosità


Top