Sport

pubblicato il 5 maggio 2010

WSBK 2010, Monza: non saranno quattro le Aprilia

Il team Gabrielli non sarà al via per "motivazioni tecniche"

WSBK 2010, Monza: non saranno quattro le Aprilia
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • CIV 2010, Team Gabrielli Michelin R.T SBK - anteprima 1
  • CIV 2010, Team Gabrielli Michelin R.T SBK - anteprima 2
  • CIV 2010, Team Gabrielli Michelin R.T SBK - anteprima 3
  • CIV 2010, Team Gabrielli Michelin R.T SBK - anteprima 4
  • CIV 2010, Team Gabrielli Michelin R.T SBK - anteprima 5
  • CIV 2010, Team Gabrielli Michelin R.T SBK - anteprima 6

La notizia di ieri, ovvero che Aprilia avrebbe schierato quattro moto al via del Mondiale WSBK nella tappa di Monza non è falsa ma non è nemmeno del tutto corretta. Rimpallata per ore sulle home page di blog poco attenti alle verifiche delle notizie, infatti, l'illusione di vedere Sandi e Pellizzon è durata il tempo di una chiamata a Noale: "non pubblicate quella notizia, perchè non è assolutamente detto che corrano..."

In realtà l'autore originale della notizia poi rimpallata ci aveva visto giusto, nel senso che scorrendo l'entry-list del Gran Premio pubblicata anche sul sito dell'autodromo brianzolo, i due alfieri del Team Gabrielli avrebbero effettivamente dovuto prendere il via alla corsa come wild card. Ed invece, come confermato dallo stesso titolare del team Sergio Gabrielli, le Aprilia SBK ufficiali protagoniste nel Campionato Italiano Velocità non possono prendere il via per "ragioni meramente tecniche".

Sapere quali siano queste ragioni "meramente tecniche" non è dato a sapere anche se la sensazione è quella che il regime di monogomma Pirelli nella WSBK sia un ostacolo non superabile da parte del team tricolore: Michelin, infatti, nel CIV non è solamente un fornitore del team italiano ma è anche uno dei principali sponsor, tanto da essere presente anche nella denominazione del team (Gabrielli Michelin R.T).

E' un vero peccato che le moto del simpatico team manager, popolare anche come dealer Aprilia in molte città del veneto, non possano prendere il via alla corsa: sarebbe stata una grande gratificazione per il Team, per Sandi ma soprattutto per Fabrizio Pellizzon, che seguendo le orme del padre svolge da una decina d'anni l'oscuro e complesso lavoro di collaudo e sviluppo dei gioelli sportivi di Noale.

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top