Sport

pubblicato il 26 aprile 2010

WSBK 2010, Assen: Aprilia 2a in classifica Costruttori

Biaggi 6° e 4°, primo podio per Camier

WSBK 2010, Assen: Aprilia 2a in classifica Costruttori
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • WSBK 2010, Assen, team Aprilia - anteprima 1
  • WSBK 2010, Assen, team Aprilia - anteprima 2
  • WSBK 2010, Assen, team Aprilia - anteprima 3
  • WSBK 2010, Assen, team Aprilia - anteprima 4
  • WSBK 2010, Assen, team Aprilia - anteprima 5
  • WSBK 2010, Assen, team Aprilia - anteprima 6

Il Team Aprilia Alitalia torna dall'Olanda con alcune buone notizie e altre così così. Tra le buone, la migliore è sicuramente il livello di competitività di Leon Camier. L'affiatamento del campione della BSB con la RSV4 cresce di gara in gara. L'impressione generale è che non appena riuscirà a trovare la sicurezza necessaria ad evitare le cadute che gli impediscono di portare a termine le gare di ottimo livello che sta disputando, troveremo stabilmente anche lui nelle posizioni di testa.

Tra le notizie meno buone c'è il divario di Max Biaggi dal leader in classifica, aumentato di soli 2 punti, ma che avrebbe invece dovuto essere a favore del "Corsaro" considerando l'ordine di arrivo di gara 1, con Leon Haslam solo 11esimo, alle prese con un problema all'avantreno.

Biaggi invece ha concluso gara 1 al sesto posto, dopo essere stato a lungo in lotta per il podio, conquistato invece dal compagno di squadra con una condotta a tratti spregiudicata ma sicuramente spettacolare e redditizia.

E' andata meglio gara 2 e davvero per un soffio Max non ha avuto la meglio su Toseland e la sua Yamaha, tuttavia i punti "non conquistati" in questo caso si sono rivelati punti "persi", dato che Haslam, risolti i problemi alla sua GSX-R, ha invece lottato a lungo con Rea per la vittoria, concludendo al secondo posto.

Nella stagione di debutto nel Mondiale, con una moto per lui tutta nuova (e non facilissima da mettere a punto) e su un circuito mai visto prima, Camier in gara 2 ha fatto vedere senza mezzi termini di ambire alla vittoria. E' caduto al penultimo giro buttando via un probabile secondo podio dopo quello di gara 1, anche grazie al quale Aprilia ha scavalcato la Ducati nella classifica Costruttori, guidato anche questo caso da Suzuki con 14 punti di vantaggio.

I tempi di Biaggi dimostano quello che è ormai più di un fondato sospetto. L'accoppiata Biaggi-RSV4 ha bisogno mediamente di più tempo rispetto agli avversari per trovare la messa a punto migliore. La progressione del romano e della V4 Aprilia è costante nell'arco del weekend e proprio in questo senso il team di Noale sta lavorando, per ridurre il tempo necessario a mettere Biaggi in condizioni di esprimersi subito su altissimi livelli. Gli altri non hanno certo intenzione di aspettarlo e i progressi che sta mostrando Corser con la Bmw potrebbero presto aggiungere un contendente alle posizioni di testa.

"Torno a casa abbastanza soddisfatto - ha dichiarato Biaggi - soprattutto se penso a come il weekend è cominciato, alle difficoltà che abbiamo avuto in prova e in superpole e, soprattutto, al fatto che sono partito in undicesima posizione in un circuito dove superare non è affatto facile. In gara 1 ho faticato parecchio a mantenere la posizione, mentre in gara 2 ho provato a guidare sopra i problemi ed è andata bene. Ma certe difficoltà non sono state risolte e voglio concentrarmi esattamente su di esse nei prossimi test a Misano con la RSV4. La stagione è lunga ma proprio per questo è importante essere a posto subito."

"Sono davvero molto contento di gara 1 - ha commentato Leon Camier -, è il mio primo podio nel Mondiale Superbike. Cadere a due giorni dalla fine in gara 2 mi ha davvero frustrato. Nella seconda parte della gara ero molto veloce, le gomme scivolavano ma eravamo tutti nelle stesse condizioni. Purtroppo ho perso molto tempo dietro a Toseland che guidava seguendo traiettorie molto strane che lo rendevano particolarmente difficile da superare. Una volta agguantata la terza posizione ho visto il gap che mi separava da Haslam ridursi e ho voluto spignere forte per riprenderlo, ritardando le frenate, ma ho perso il controllo della moto e sono caduto. Dobbiamo vedere il bicchiere mezzo pieno: abbiamo lavorato bene, crescendo durante il weekend, e questo ci dà fiducia per le prossime gare. Questa settimana proveremo a Misano e sono sicuro che il mio feeling con l'Aprilia RSV4 crescerà ancora."

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top