Curiosità

pubblicato il 19 marzo 2010

Ducati Streetfighter @ Franciacorta: test day

In pista prima della strada con la naked di Borgo Panigale

Ducati Streetfighter @ Franciacorta: test day
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Ducati Streetfighter @ Franciacorta: test day - anteprima 1
  • Ducati Streetfighter @ Franciacorta: test day - anteprima 2
  • Ducati Streetfighter @ Franciacorta: test day - anteprima 3
  • Ducati Streetfighter @ Franciacorta: test day - anteprima 4
  • Ducati Streetfighter @ Franciacorta: test day - anteprima 5
  • Ducati Streetfighter @ Franciacorta: test day - anteprima 6

Lo ammetto: ho da sempre un posto speciale, nel cuore, per le moto fatte a Borgo Panigale. E andarle a ritirare direttamente in fabbrica, come faccio spesso, ha un sapore tutto particolare, soprattutto quando si tratta di modelli per cui ho una profonda curiosità, come questa Streetfighter. Moto discussa e controversa, che avrò il piacere di strapazzare a Franciacorta per un’intera giornata, ma che – già che ci siamo – mi porto a fare un giretto anche su strada. D’altra parte, le naked sono fatte per questo.

Del Testastretta Evoluzione se n’è parlato ormai fino alla nausea, ma vi assicuro che, sarà l’astinenza invernale, ma sulla Streetfighter, alla prima aperta mi sembra ancora più pronto che sulla 1198. Per chi non avesse capito: alle prime spalancate mi sento proiettato nell’iperspazio. Il tachimetro frulla numeri come una slot machine, e una certezza mi invade il cervello. Non è una moto da prendere alla leggera. Bisogna farci conoscenza con calma, a costo di deludere tutti quelli che ad ogni sosta o filtraggio nel traffico la guardano, mi sorridono o mi fanno il gesto del pollice alzato.

La tentazione è fortissima. Il sollievo di aver scelto un test in pista, per il bene delle mie ossa, della mia patente, e della stima degli addetti stampa Ducati, è altrettanto intenso

Per la prova completa vi suggeriamo di seguirci nei prossimi giorni. Stay tuned!

[TKS to Prima Guida e Alessandro Cecchi per le foto statiche]

Autore: Edoardo Licciardello

Tag: Curiosità


Top