Attualità e Mercato

pubblicato il 8 marzo 2010

Aprilia Dorsoduro Factory: in listino a 9.990 euro f.c.

Svelato il prezzo della versione "impreziosita"

Aprilia Dorsoduro Factory: in listino a 9.990 euro f.c.
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Aprilia Dorsoduro 750 Factory - anteprima 1
  • Aprilia Dorsoduro 750 Factory - anteprima 2
  • Aprilia Dorsoduro 750 Factory - anteprima 3
  • Aprilia Dorsoduro 750 Factory - anteprima 4
  • Aprilia Dorsoduro 750 Factory - anteprima 5
  • Aprilia Dorsoduro 750 Factory - anteprima 6

Entra finalmente nel listino ufficiale della Casa di Noale la nuova Aprilia Dorsoduro Factory: 9.990 euro, franco concessionario, il prezzo di vendita. Più cara di 1.000 euro tondi tondi rispetto alla Dorsoduro standard, la versione più raffinata delle motard di media cilindrata porta in dote poche novità "prestazionali", puntando molto sul pack estetico che ne impreziosisce in modo evidente le forme.

Certo, qualcuno potrebbe anche storcere il naso di fronte all'assenza di molti dettagli che da sempre caratterizzano il DNA degli allestimenti Factory - sospensioni Ohlins, freni di specifica superiore, qualche CV in più nel motore, cerchi forgiati e dettagli in carbonio a profusione - ma in Aprilia hanno evidentemente ritenuto che la Dorsoduro fosse già sufficientemente a punto così, limitando le novità tecniche "evidenti" alle pinze Brembo radiali, che prendono il posto delle Aprilia standard molto familiari nel look ed alla forcella Sachs da 43 mm upside down regolabile.

Rimane invariato, invece, l'ammortizzatore posteriore - sempre Sachs - così come non subisce alcuna novità il 749,9 cc bicilindrico a V di 90°, che eroga 92 CV a 8.750 giri e 82 Nm di coppia massima a 4.500 giri.

Si tratta di un motore estremamente elastico, in grado di essere gestito nel migliore dei modi da qualsiasi tipo di motociclista grazie ai settaggi del comando del gas Ride by Wire: Sport, il più aggressivo, Touring, il più adatto alla guida di tutti i giorni e Rain, in grado di limitare la potenza demoltiplicando, allo stesso tempo, il rapporto tra l'apertura del gas e quella della farfalla nella prima parte della rotazione della manopola. Una mappatura, quest'ultima, che qualcuno apprezza anche in città oltre che su fondi a scarsa aderenza.

Passando al look, riconoscere la Dorsoduro Factory dalla Dorsoduro standard è molto semplice: traliccio rosso e piastra laterale in alluminio brunita a parte, infatti, la Factory utilizza la fibra di carbonio come materiale costruttivo per i convogliatori, i copri blocchetto accensione ed il parafango anteriore. Un look dark che viene ripreso anche per lo scarico ed i cerchi in lega leggera. Molto più curata anche la sella, nera e grigia con cinghietta e cuciture rosse.

Dorsoduro Factory si affianca nella composizione della gamma Dorsoduro alla versione standard, in listino a 8.990 euro f.c. ed a quella ABS, in vendita 9.590 euro f.c.

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato


Top