Sport

pubblicato il 8 marzo 2010

Camier veloce in Australia. Vincente a Portimao?

L'inglese nel gruppo di testa in gara 2 prima dell'errore

Camier veloce in Australia. Vincente a Portimao?
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • WSBK 2010, Team Aprilia Alitalia, Leon Camier - anteprima 1
  • WSBK 2010, Team Aprilia Alitalia, Leon Camier - anteprima 2
  • WSBK 2010, Team Aprilia Alitalia, Leon Camier - anteprima 3
  • WSBK 2010, Team Aprilia Alitalia, Leon Camier - anteprima 4
  • WSBK 2010, Team Aprilia Alitalia, Leon Camier - anteprima 5
  • WSBK 2010, Team Aprilia Alitalia, Leon Camier - anteprima 6

Il ragazzo è certamente un talento e, dopo aver adattato le misure del ristretto "cockpit" della RSV4 ad una "ciclistica corporea" che parla di una altezza di 188 cm, Leon Camier ha fatto vedere di che pasta è fatto già sulla pista di Phillip Island, nelle prime due corse che hanno aperto la stagione WSBK 2010.

Certo, guardando i soli risultati ci sarebbe da pensare l'esatto opposto...soprattutto in considerazione del 16° posto o delle due 11esime piazze in gara, ma sarebbe davvero ingeneroso. Leon ha corso in modo eccezionale in gara 2, dimostrando per gran parte della corsa di essere in grado di reggere il passo dei migliori anche su piste che non conosce, proprio come quella australiana.

"Mi dispiace molto - ha dichiarato Camier - per tutti gli errori che ho fatto. In gara ho provato a passare gli altri piloti al primo tornante, ma sono andato un po' oltre in frenata e per evitare di colpire Max, sono andato fuori pista. Poi ho davvero spinto per recuperare più posizioni possibili."

"Durante gara 2, ho iniziato abbastanza bene - aggiunge il pilota Aprilia - ed ero con il gruppo di testa, proprio dietro a Checa, quando ha superato Toseland. Quando ho cercato di passare anche io, siamo finiti un po' larghi. Poi ho messo una marcia sbagliata e sono uscito nella stessa curva di gara 1. Sono deluso perché ho stabilito dei tempi sul giro molto buoni e vedendo come è finita la gara, avrei conquistato un risultato eccellente."

Un Camier decisamente meno intimorito rispetto alle prime tre uscite del 2009, pronto a dare grande battaglia già dai prossimi saliscendi di Portimao, quando porterà in pista tutto il know-how accumulato nelle giornate di test invernali svolte su questa pista: a Noale lo aspettano, ed anche gli spettatori della Superbike sognano di rivivere nuovamente le imprese che l'hanno portato alla conquista del difficile campionato inglese BSB lo scorso anno.

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top