Interviste

pubblicato il 8 marzo 2010

Presentato ad Adria il Yamaha R125 Cup 2010

I 27 CV della Open affiancheranno la "solita" categoria Rookie

Presentato ad Adria il Yamaha R125 Cup 2010
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Yamaha R125 Cup 2010 - anteprima 1
  • Yamaha R125 Cup 2010 - anteprima 2
  • Yamaha R125 Cup 2010 - anteprima 3
  • Yamaha R125 Cup 2010 - anteprima 4
  • Yamaha R125 Cup 2010 - anteprima 5
  • Yamaha R125 Cup 2010 - anteprima 6

L'edizione 2010 della Yamaha R125 Cup ha preso ufficialmente il via sabato 6 marzo laddove aveva fortunatamente preso il via la prima edizione: l'autodromo di Adria. Il grande successo della prima edizione ha portato i vertici di Yamaha Motor Italia a raddoppiare la scommessa, aprendo il monomarca riservato alle quattro tempi con i tre diapason anche a piloti oltre la fascia d'età (14-18 anni) fino ad oggi ammessa al via: sarà uno "scontro" tra padri e figli, insomma, su alcune tra le più belle piste italiane (Varano, Binetto, Vallelunga, Castelletto di Branduzzo ed Adria), scelte in luogo dei soli kartodromi su cui si è corso lo scorso anno. Del nuovo R125 Cup 2010 ne abbiamo parlato con Mattia Airoldi, Fabio Albertoni e Claudio Corsetti.

MATTIA AIROLDI, RESPONSABILE RELAZIONI PUBBLICHE YAMAHA
"La R125 Cup 2010 è la seconda edizione del Trofeo riservato alla nostra piccola sportiva. Si tratta di una moto di grande successo, market-leader nel corso del 2009 con 1.500 pezzi venduti, figlia di una filosofia progettuale che si avvicina molto alle sorelle maggiori R6 ed R1, non solo nello styling. Si tratta di un prodotto di cui noi di Yamaha Motor Italia siamo molto fieri, in quanto sviluppata in Italia nel centro R&D di Gerno di Lesmo, il più importante al mondo dopo quello giapponese. Costruita in Francia, la R125 è indubbiamente la più sportiva delle 4 tempi oggi in circolazione, e questo ci ha premiato in termini di successo e popolarità sin dal suo debutto."

R125: un grande successo
"Da quanto è stata lanciata sul mercato, infatti, a parte una lieve flessione a fine 2009 dovuta ad un calo del mercato, la R125 è sempre stata market-share leader, facendo nettamente meglio anche dei prodotti a 2T di aziende presenti in questo segmento da numerosi lustri."

C'è un nuovo casco BYE: si chiama HIGH POWER
"Abbiamo voluto sfruttare l'occasione di questo press-test R125 Cup per presentare anche il nostro nuovo casco integrale BYE High Power: si tratta di un prodotto Yamaha Motor Italia interamente progettato in Italia, ingegnerizzato con la consulenza di alcuni partner esterni (Suomy) e graficato dalla mano di Aldo Drudi. Un casco dai contenuti eccezionali (calotta in carbonio), che stiamo proponendo anche all'estero con grande successo. Sarà in commercio a partire da 430,00 euro iva inclusa."

FABIO ALBERTONI, COORDINATORE ATTIVITA' RACING YAMAHA
"Questo è il secondo anno per il nostro Trofeo R125. Lo scorso anno per noi tutto era una novità mentre quest'anno, naturalmente, abbiamo sviluppato il progetto sulle esperienze dello scorso anno. L'idea alla base di tutto, come sempre, è quello di rappresentare una categoria in grado di essere veramente formativa: come lo scorso anno, infatti, anche quest'anno scenderanno in pista dei ragazzi che prima d'oggi non solo non hanno mai messo le ruote in pista ma non hanno mai nemmeno guidato una moto a marce. Una sfida eccezionale, che quest'anno portiamo avanti nuovamente con l'aiuto di due partner d'eccellenza: la Scuola Federale Corsetti FIM (ex-Scuola Motociclistica Italiana FIM) ed il racing service Malossi che ci ospita nella sua struttura organizzativa."

In tutta sicurezza
"Il trofeo, inizialmente, era pensato per ragazzi dai 14 ai 18 anni come un progetto che insegnasse a correre in pista ma soprattutto a guidare in tutta sicurezza ed oggi, pur mantenendo una categoria riservata ai debuttanti, abbiamo affiancato una categoria OPEN. Nata dando seguito ad una curiosa richiesta di alcuni papà limitati al ruolo di "team manager" nella prima edizione, la categoria OPEN permetterà a tutti di correre in un trofeo estremamente combattuto, molto economico in termini di gestione del mezzo e poco stressante da un punto di vista fisico. Per venire incontro alla presenza di strutture fisiche ed esperienze diverse da quelle dei figli, però, abbiamo scelto di dare una preparazione più libera alle R125, che di base condividono tra una categoria e l'altra la presenza del kit completo, che viene consegnato al momento dell'iscrizione."

Kit Rookie
"Il kit ROOKIE (3.000 euro iva inclusa) consiste nella parte di preparazione del motore: l'elemento principale riguarda l'aumento di cilindrata da 125 a 180 cc per mezzo del cilindro e pistone Malossi per ovvie ragioni prestazionali, ai quali affianchiamo centralina, scarico completo, e filtro dell'aria. Non manca un kit di gomme Pirelli, le stesse Diablo Supercorsa utilizzate in pista nelle categorie maggiori nelle misure 110/70 e 150/60, il plexi sportivo, il casco BYE sportivo e la tuta con colori Malossi, una serie di prodotti YamaLube. Tutto come nella prima edizione, con la differenza che da quest'anno forniremo anche una carenatura in vetroresina da sostituire all'originale che si usava lo scorso anno oltre che un buono per acquistare un radiatore supplementare e le pedane arretrate racing. Questi due ultimi elementi servono da un lato per rendere più uniforme la performance nelle pista più lunghe e dall'altro per adattare la R125 alle dimensione dei piloti più alti."

Kit Open
"Nella OPEN, oltre a quanto fornito nella ROOKIE, il kit (3.400 euro iva inclusa) fornisce il radiatore supplementare di serie, una centralina con limitatore spostato più in alto di 1.500 giri ed un albero a camme dal profilo più "appuntito". Diamo anche la possibilità di mettere mano alla testata (lucidatura condotti) al fine di migliorare le prestazioni: dai 21 CV del kit "standard" si dovrebbe passare ad un valore prossimo ai 27 CV. Per i piloti più "raffinati" c'è anche la possibilità di adottare un ammortizzatore pluriregolabile."

Fino a 1.000 euro di cash-back
"La formula della R125 CUP 2010 mantiene l'interessante incentivo di partecipazione: chi prenderà il via a tutte le corse, nel caso in cui si fosse iscritto entro il 15 dicembre 2009, riceverà un rimborso di 1.000 euro, mentre chi si iscriverà entro il 15 marzo, l'incentivo sarà di 500 euro. Un elemento che abbatte notevolmente i costi di iscrizione, che va ad affiancarsi al 10% di sconto sull'acquisto della moto (del valore di 3.500 euro), ma che non taglia nulla in termini di montepremi: chi vince il Trofeo vince una R125 o, visto che il valore è simile, diamo la possibilità di iscriversi gratuitamente alla R6 Cup. Noi, naturalmente, preferiremmo la seconda scelta, perchè ci piace l'idea di far fare un percorso ai ragazzi che iniziano a correre nel nostro Trofeo."

CLAUDIO CORSETTI: PER MANO IN PISTA
"Il successo, quasi inaspettato, dell'edizione 2009 di questo Trofeo - afferma Claudio Corsetti, Scuola Motociclistica Corsetti - non è stata tanto la griglia di partenza piena o la completa soddisfazione di tutti, ma il fatto che molti ragazzi che alla prima sessione di test ad Adria prendevano 15 secondi al giro si sono presentati all'ultima corsa prendendone solo due o tre dai migliori. Prendere i giovani, accompagnarli per mano in pista e farli migliorare, in tutta sicurezza, era il nostro obiettivo, lo sarà anche quest'anno ed il fatto che alcuni ragazzi passati in R6 Cup quest'anno abbiano espressamente richiesto il nostro aiuto ci riempie di gioia."

Autore: Redazione

Tag: Interviste


Top