Novità

pubblicato il 4 marzo 2010

Multistrada 848: nel 2011 un modello intermedio?

Una versione "850" per conquistare più clienti

Multistrada 848: nel 2011 un modello intermedio?
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Ducati Multistrada 1200 - TEST - anteprima 1
  • Ducati Multistrada 1200 - TEST - anteprima 2
  • Ducati Multistrada 1200 - TEST - anteprima 3
  • Ducati Multistrada 1200 - TEST - anteprima 4
  • Ducati Multistrada 1200 - TEST - anteprima 5
  • Ducati Multistrada 1200 - TEST - anteprima 6

L'operazione di "downsize" della Multistrada non è un'operazione nuova in senso assoluto. La Casa di Borgo Panigale tentò, a dire il vero con scarsa fortuna, di ampliare il bacino di utenza della vecchia "tuttofare" bicilindrica realizzandone una versione "620".

La ricetta era semplice e si basava sulla ciclistica della 1.000 cc – ma con un forcellone al posto del monobraccio, freni più semplici e ruote a tre razze – all'interno della quale veniva installato il motore di media cilindrata già in dotazione al Monster.

Oggi che la Multistrada è una moto tutta nuova e dotata del meraviglioso motore della 1198, un eventuale "downsizing" potrebbe incrementare il numero di clienti potenziali. L'operazione questa volta prenderebbe le mosse dallo stesso presupposto della vecchia 620 – la condivisione della ciclistica – ma con l'adozione del motore da 849,4 cc della media superbike di Casa Ducati.

Qualcuno in questi giorni aveva ventilato l'ipotesi che per questo modello di cilindrata inferiore Ducati farebbe ricorso al motore Desmodue "796" a 2 valvole in dotazione alla Hypermotard, ma a nostro avviso, seppure più semplice e leggero del Testastretta, sarebbe una inutile complicazione. Il motivo? La nuova Multistrada nasce per un motore a 4 valvole con raffreddamento a liquido e sarebbe più semplice sostituire il 1200 con un 848, sempre 4 valvole e raffreddato a liquido, piuttosto che un 796 ad aria.

Tra l'altro l'appeal principale della Multistrada 1200 sono proprio le prestazioni – 150 CV è roba da supersportiva – e una versione da circa 80 CV non sarebbe intonata all'indole della nuova tuttofare Ducati. L'utilizzo del propulsore da 849,4 cc invece potrebbe facilmente scendere a 100-110 CV (dai 134 della versione supersportiva) con un'erogazione di coppia molto piena grazie magari ad una analoga operazione "11 gradi" sul Testastretta Evoluzione.

Come nel caso della superbike 848, offerta nella sola versione standard, anche la Multistrada 848 sarebbe più semplice della sorella maxi e, priva di buona parte del pacchetto elettronico di una ipotetica versione "S" (sospensioni attive e controllo di trazione in particolare), potrebbe costare circa 13.000 Euro andando a soddisfare le esigenze – in termini di prestazioni e prezzo – di un bacino di utenza più ampio. E il nome commerciale? Che ne dite di "Multistrada 850"?

Autore: Costantino Paolacci

Tag: Novità


Top