Sport

pubblicato il 26 febbraio 2010

MotoGP 2010, Sepang/2, Test day/3: team Honda

Migliorano i tempi, ma meno degli altri. Bene Aoyama

MotoGP 2010, Sepang/2, Test day/3: team Honda

Nelle ideali condizioni in cui si trovava oggi la pista di Phillip Island cinque dei dei piloti Honda hanno migliorato il loro riscontro cronometrico di ieri, tranne Simoncelli incappato in una rovinosa caduta che lo ha costretto ad interrompere definitivamente la giornata di test.

Dovizioso è stato ancora il più veloce della compagine Honda ma il suo progresso dei tempi è stato meno incisivo rispetto alla concorrenza e non è ruscito a mantenere la terza posizione, scendendo fino al settimo posto. Si è trovato a suo agio con le gomme da gara ma ha avuto qualche problema con le coperture più morbide.

Appena dietro il pilota italiano il suo compagno di squadra Dani Pedrosa, più veloce di ieri e oggi all'ottavo posto. E' migliorato il suo feeling con l'erogazione del motore ma sono invece rimasti irrisolti alcune problematiche legate alla messa a punto della ciclistica. Per lui i test in Qatar saranno fondamentali per recuperare fiducia e ritmo nei confronti delle velocissime Yamaha e Ducati.

La performance più sorprendente di oggi è stata quella di Hiro Aoyama che ha migliorato di 8 decimi il suo tempo di ieri. Il Campione del Mondo 2009 della classe 250 ha trovato un set-up di base della sua RC212V molto buono che gli ha permesso aggiustamenti successivi capaci di farlo migliorare ad ogni uscita.

Oltre a Simoncelli anche Melandri è caduto, ha tuttavia potuto continuare il lavoro senza però riuscire a trovare la confidenza necessaria a spingere più a fondo per avvicinarsi al limite, soprattutto con le gomme morbide.

Maggior fortuna ha avuto Randy de Puniet con la RC212V del team LCR; i tecnici della squadra italiana hanno stravolto la geometria della moto e il pilota francese ha subito trovato un feeling migliore rispetto a ieri, incontrando anch'egli tuttavia qualche problema con la nuova gomma morbida anteriore.


Andrea Dovizioso - 7° tempo in 2’01"439
"Se consideriamo i due giorni nel complesso questa seconda giornata di test rappresenta un grande passo in avanti rispetto alle sessioni su questa pista ai primi di febbraio. Sono soddisfatto del ritmo elevato con cui sono riuscito a girare e questo è importante nell'ottica delle gare. Abbiamo fatto una simulazione di gara e l'andatura con le gomme da gara è stata molto buona. Non sono però soddisfatto del settimo tempo finale ma è successo perché non sono riuscito a trovare il feeling necessario a spingere con convinzione con le gomme morbide. E' un fattore che dobbiamo analizzare e risolvere perché sarà importante disputare buone qualifiche per partire da una buona posizione in griglia. C'è ancora da fare per tenere il passo di Valentino e Casey ma sono fiducioso di riuscire ad avvicinarmi alle prime posizioni."

Dani Pedrosa – 8° tempo in 2'01"478
"Abbiamo lavorato molto oggi e provato tante soluzioni diverse sulla moto per provare a migliorare la nostra posizione. Abbiamo fatto progressi in termini di feeling con l'erogazione del motore ma non abbiamo però trovato la soluzione ad alcuni dei problemi che avevamo ieri. Abbiamo quindi ancora molto da fare prima di andare in Qatar per i prossimi test. Il team sta lavorando davvero molto e siamo contenti che ci siano altre tre settimane prima di andare a Losail perché non posso certo essere contento dell'ottava posizione finale di questi ultimi test qui a Sepang."

Marco Simoncelli – 16° in 2'03.689 (crash al secondo giro)
"Considerando come sono caduto mi ritengo fortunato a non aver riportato danni fisici. E' successo alla prima uscita stamattina, alla curva sette, dove ho perso l'anteriore, e dopo aver tentato di tenere in piedi la moto è partito anche il posteriore generando un brutto high-side. Ora mi sento meglio ma alla luce dei fatti mi rendo conto che dobbiamo lavorare molto per trovare il feeling migliore con la moto. Dobbiamo concentrarci sul bilanciamento del peso, cercando soluzioni diverse per il set-up di telaio e sospensioni. Ho bisogno di capire questa moto per dominarla e farla curvare come voglio io. Ora voglio solo andare a provare ancora in Qatar perché oggi, con due giri, si può proprio dire che la giornata di test sia andata persa."

MotoGP test, Sepang, 26/02/2010
1. Rossi (Yamaha) 2:00.271
2. Stoner(Ducati) 2:00.512
3. Hayden (Ducati) 2:00.703
4. Edwards(Yamaha) 2:00.988
5. Spies (Yamaha) 2:01.014
6. Capirossi (Suzuki) 2:01.320
7. Dovizioso(Honda) 2:01.439
8. Pedrosa(Honda) 2:01.478
9. Aoyama(Honda) 2:01.692
10. Bautista(Suzuki) 2:01.732
11. De Puniet (Honda) 2:01.980
12. Melandri (Honda) 2:02.078
13. Barbera(Ducati) 2:02.080
14. Kallio(Ducati) 2:02.082
15. Espargaro (Ducati) 2:02.367
16. Simoncelli  (Honda) 2:03.689

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top