Sport

pubblicato il 26 febbraio 2010

MotoGP 2010, Sepang/2, Test day/3: team Yamaha

Un Rossi da record ha anche il tempo di provare la M1 laboratorio

MotoGP 2010, Sepang/2, Test day/3: team Yamaha

Quattro giorni sulla pista malese, a inizio e fine febbraio, e quattro giorni di dominio conclusi con tempi da record. E' questo il bottino del "Valentino della moto", ormai da tempo più famoso del "Valentino della moda". E non potrebbe essere altrimenti perché la sete di vittoria di Rossi non ha eguali tra i suoi pur fortissimi colleghi.

Con il tempo di 2'00"271 la Yamaha M1 #46 lascia il circuito di Sepang con 247 millesimi strappati alla pole position del 2009 e sette decimi in meno rispetto al miglior crono (2'00"925) stampato lo scorso 5 febbraio.

La giornata è stata spesa dal Fiat Yamaha Team anche testando soluzioni alternative del pacchetto elettronico, una nuova gomma per Bridgestone e verificando con il team tutto il lavoro fatto finora. C'è stato perfino il tempo di fare qualche giro con la M1 laboratorio dei collaudatori giapponesi ai quali Valentino ha dato utili indicazioni e feedback sulla direzione da dare al lavoro di sviluppo della moto.

Con 39 giri complessivi e un distacco di 241 millesimi inflitto alla Ducati di Stoner il team Yamaha torna a casa con tanti dati positivi da analizzare, e il conforto di un team satellite, il Tech3, che appare altrettanto in forma, dato che Colin Edwards e Ben Spies sono poco dietro, in quarta e quinta posizione.

Valentino Rossi - 1° tempo in 2’00.271 (39 giri)
"Sono molto contento di aver battuto il mio crono della pole 2009 ed è una buona sensazione essere stato così veloce durante questi test. Ho ottenuto questa prestazione con una gomma che conosco bene ma ho avuto la possibilità di provare una nuova gomma Bridgestone molto buona oggi che spero potremo usare fin dalla prima gara. La nostra moto è in grande forma, abbiamo bisogno di lavorare ancora un po' sull'elettronica ma complessivamente la moto è migliorata, soprattutto in termini di trazione e di erogazione. E' stato molto intelligente da parte di Yamaha sviluppare la nuova moto tenendo le parti migliori di quella dello scorso anno, sono molto contento. E' stata un'opportunità importante anche provare la moto laboratorio su cui collaudatori e ingegneri lavorano per sviluppare ulteriormente l'M1 e spero di avergli dato delle informazioni utili per il futuro. Ora andremo in Qatar e lì vedremo realmente il nostro livello perché non è uno dei circuiti preferiti né da me né dalla mia Yamaha! Però siamo in grande forma e questo è molto importante in questa fase iniziale della stagione, e devo dire che non vedo l'ora di cominciare."

Ai prossimi test del 18 e 19 marzo in Qatar Rossi ritroverà il compagno di squadra Jorge Lorenzo, al rientro dalla convalescenza dopo l'infortunio con la moto da cross.

MotoGP test, Sepang, 26/02/2010
1. Rossi (Yamaha) 2:00.271
2. Stoner(Ducati) 2:00.512
3. Hayden (Ducati) 2:00.703
4. Edwards(Yamaha) 2:00.988
5. Spies (Yamaha) 2:01.014
6. Capirossi (Suzuki) 2:01.320
7. Dovizioso(Honda) 2:01.439
8. Pedrosa(Honda) 2:01.478
9. Aoyama(Honda) 2:01.692
10. Bautista(Suzuki) 2:01.732
11. De Puniet (Honda) 2:01.980
12. Melandri (Honda) 2:02.078
13. Barbera(Ducati) 2:02.080
14. Kallio(Ducati) 2:02.082
15. Espargaro (Ducati) 2:02.367
16. Simoncelli  (Honda) 2:03.689

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top