Curiosità

pubblicato il 26 febbraio 2010

Ducati e MotoCzysz nel sequel di "Wall Street"

Desmosedici RR e C1 990 in "Money never sleeps"

Ducati e MotoCzysz nel sequel di "Wall Street"
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Ducati e MotoCzysz nel sequel di “Wall Street” - anteprima 1
  • Ducati e MotoCzysz nel sequel di “Wall Street” - anteprima 2
  • Ducati e MotoCzysz nel sequel di “Wall Street” - anteprima 3
  • Ducati e MotoCzysz nel sequel di “Wall Street” - anteprima 4
  • Ducati e MotoCzysz nel sequel di “Wall Street” - anteprima 5
  • Ducati e MotoCzysz nel sequel di “Wall Street” - anteprima 6

Sono le uniche due MotoGP replica che un comune mortale, purché danaroso, può acquistare e guidare. Parliamo della MotoCzysz C1 e della Ducati Desmosedici RR. Certo, la prima è "solo" una affascinante esercizio tecnologico che nel Motomondiale non ha corso mai, mentre la seconda deriva da quel mostro che con Loris Capirossi ai bei tempi faceva la "nebbia" in pista con imperiosi traversi di potenza. Tuttavia quando un film è diretto da Oliver Stone e la storia riporta sul grande schermo Gordon Gekko, il finanziare con un "pelo sullo stomaco" lungo così, è normale che se ci sono delle moto in circolazione siano le più esclusive del mondo.

Era il 1987 e un giovane Charlie Sheen (ancora nel cast) ambiva a seguire le orme del mitico businessman interpretato da Michael Douglas. Sono passati 23 anni e Oliver Stone torna con lo stesso personaggio e lo stesso attore, ma stavolta a "fargli le scarpe" ci prova il giovane Shia LeBeouf, alias Jacob Moore (che nel film guida in città anche una Ducati Streetfighter).

Azione, paroloni da filosofia dell'alta finanza e intrighi internazionali, sono gli ingredienti di quello che promette di tenere ancora una volta con gli occhi incollati allo schermo il pubblico, soprattutto quello che a fine anni Ottanta ha amato il cinico personaggio interpretato dal già allora immenso Michael Douglas.

E le moto? Sono protagoniste, molto più di quanto non accada in altri film dove risultano funzionali solo a qualche scena adrenalinica. La curiosità è che è stato lo stesso Michael Czysz lo stunt che ha guidato la C1 nelle scene in cui l'esotica moto costruita a Portland, in Oregon, sfreccia insieme alla DesmosediciRR sulla tortuosa strada immersa nei boschi!

Il film è il sequel del primo "Wall Street", e si intitola "Money never slpeeps". Sarà nelle sale americane dal 21 aprile 2010 e arriverà in Italia presumibilmente in autunno.

Ducati e MotoCzysz in "Wall Street 2: Money Never Sleeps"

Ducati Desmosedici RR e MotoCzysz C1 990 in "Wall Street 2: Money Never Sleeps"

Autore: Redazione

Tag: Curiosità


Top