Sport

pubblicato il 22 febbraio 2010

WSBK 2010, Phillip Island: RSV4 in sordina

Non volano nei test le Aprilia Alitalia di Max Biaggi e Leon Camier.

WSBK 2010, Phillip Island: RSV4 in sordina
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • WSBK 2010, Phillip Island, Test, Aprilia Alitalia - anteprima 1
  • WSBK 2010, Phillip Island, Test, Aprilia Alitalia - anteprima 2
  • WSBK 2010, Phillip Island, Test, Aprilia Alitalia - anteprima 3
  • WSBK 2010, Phillip Island, Test, Aprilia Alitalia - anteprima 4

Le cose non sono andate esattamente come volevano i vertici Aprilia negli ultimi test che precedono il via ufficiale della stagione a Phillip Island: a fronte di un dominio assoluto della Ducati e qualche sprazzo di Honda e Suzuki, infatti, le Aprilia di Biaggi e Camier hanno faticato in entrambe le giornate di test, rimanendo a otto decimi dalla vetta con l'italiano e a poco meno di un secondo con l'inglese.

Difficile sapere da Aprilia quali siano stati i reali problemi che hanno rallentato il passo della V4 anche a Portimao, ma le ultime evoluzioni ciclistiche - forcellone inedito e nuova forcella Ohlins 2010 -, il supermotore con distribuzione ad ingranaggi e l'evoluzione elettronica non sembrano essere sufficienti per tenere il passo di una Ducati 1098R 2010 velocissima anche coi privati.

Sempre che Aprilia non abbia giocato a nascondino tenendosi gli assi per la corsa della prossima domenica, dove il team di Noale deve iniziare quella corsa al titolo che a Fiumicino è stata in più modi auspicata anche dall'Amministratore Delegato del Reparto Corse del Gruppo Piaggio Leo Francesco Mercanti.

"Speravo in un risultato migliore – ha dichiarato Biaggi – siamo ancora in difficoltà sull’asfalto sconnesso dove la moto non si comporta come dovrebbe e diventa difficile stringere sulla corda. Non sono particolarmente contento, ero più fiducioso, anche i nuovi pneumatici non hanno portato particolari benefici. Adesso lavoreremo ancora in vista delle due manches di domenica, ma sicuramente non sarà una gara facile."

"Oggi sono migliorato molto – ha detto Camier – mi sentivo più a mio agio nelle veloci curve di Phillip Island. Abbiamo provato molte gomme e molto materiale, ma ancora dobbiamo migliorare la ciclistica della moto. C’è ancora molto lavoro da fare in vista della gara, in parte sulla moto, ma molto dipende da me che ancora non ho imparato bene il tracciato, non lo interpreto al meglio e ciò non ci permette di lavorare in maniera spedita."

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top