Curiosità

pubblicato il 19 febbraio 2010

"Ducati Monster Art. Il tuo Monster": i vincitori

Premiati i tre studenti all'Accademia di Belle Arti

"Ducati Monster Art. Il tuo Monster": i vincitori
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • \
  • \

Sono stati premiati, presso l'Aula Magna dell'Accademia di Belle Arti di Bologna, i vicintori di "Ducati Monster Art. Il tuo Monster": il concorso lanciato da Ducati Motor Holding e dall'Accademia di Belle Arti di Bologna, inserito nel più ampio contesto "Monster Art, ha voluto premiare l'estro artistico dei giovani designer, confermando la grande possibilità di personalizzazione che è parte del DNA Monster.

I tre progetti, selezionati tra i disegni elaborati dagli studenti, sono stati realizzati su altrettante Monster Ducati, decorate dall'artista Luigi Leonidi. Le tre moto sono state esposte durante la cerimonia di premiazione, che ai tre studenti è valsa oltre la grande soddisfazione di veder "materializzato ufficialmente" il proprio progetto anche una borsa di studio, a copertura delle tasse annuali di iscrizione al corso accademico.

Matis Ferioli: "Il mio progetto nasce dalla volontà di creare una textur uniforme, composta da forme sinuose e fantasiose, e caratterizzata da elementi che vengono ripresi più volte nel disegno. I due colori scelti sono il bianco, utilizzato per lo sfondo, e il grigio chiaro, usato per mettere in risalto il disegno."

Marco Ferrari: "Gears IX è un progetto grafico che nasce dalla volontà di valorizzare, in modo "leggero", il settore che la Ducati rappresenta come marchio di eccellenza nel mondo: la meccanica. Tramite la stilizzazione e la reinvenzione dell'idea di ingranaggio, la meccanica, già parte integrante dell'estetica della moto, diventa protagonista della decorazione delle parti il cui ruolo originario è coprire alcuni punti della struttura stessa. La grafica utilizzata, inoltre, è una provocazione nei confronti delle livree esasperate che mirano a sottolineare l'aggressività del mezzo piuttosto che il divertimento e il piacere di guida."

Oleg Buhna: "La scelta di decorare le parti plastiche del Monster con una poesia nasce dall'idea che, anche le parole sono perfetti segni grafici che possono abbellire una moto. La poesia scelta è del noto poeta Kahlil Gibran, "Respiro di vita", che sembra esprimere perfettamente una delle caratteristiche principali delle moto, la Nudità, nonché il piacere che si prova nel guidarla."

Coordinati da Carlo Branzaglia (responsabile Design Center Bologna) sono intervenuti all'evento di premiazione Giuseppe Andreani (Commissario Ministeriale accademia di Belle Arti di Bologna), Duccio Campagnoli (Assessore Attività produttive, sviluppo tecnologico e piano telematico della Regione Emilia-Romagna) e Gabriele Del Torchio (Presidente Ducati Motor Holding). Presente, naturalmente, anche gli elementi della giuria d'eccezione, composta dal designer Aldo Drudi (Drudi Performance), Andrea Ferraresi (Direttore Creative Center Ducati), Roberto Ungaro (Direttore della rivista Riders) e Roberto Malpensa (Meat Collettivo Grafico) ha presenziato all'evento, motivando le scelte operate e partecipando alla premiazione dei progetti selezionati dagli studenti.

Autore: Redazione

Tag: Curiosità


Top