Sport

pubblicato il 18 febbraio 2010

MZ Moto2: sta nascendo la moto di Antony West

Ne deriverà una versione stradale? Probabilmente sì

MZ Moto2: sta nascendo la moto di Antony West
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • MZ Moto2 2010 - anteprima 1
  • MZ Moto2 2010 - anteprima 2
  • MZ Moto2 2010 - anteprima 3

Dopo essere stata acquistata nel corso del 2009 dalla Hong Leong Group, grazie all'intermediazione degli ex-piloti tedeschi Ralf Waldmann e Martin Wimmer, il brand MZ è tornato sul mercato con una piccola linea di scooter elettrici pensata per risolvere problemi di mobilità a cortissimo raggio.

Il core business di un brand come MZ, però, non è certamente questo: è la produzione di moto, infatti, ad interessare il consiglio di amministrazione (composto dagli stessi Ralph Waldmann e Martin Wimmer, ma anche dal Dr Martin Hager, Helmut Lichtenberg e Otto Elbers) oltre che la proprietà. Un'impresa assai difficile, anche alla luce dei nomi coinvolti, ma che grazie alla neonata categoria Moto2 del Motomondiale potrebbe trovare una veloce concretizzazione.

TOH, C'E' ANCHE WEST
Dopo una fugace apparizione del team MZ in cui i faccioni sorridenti di Antony West e di tutto il management MZ posavano in compagnia di una Honda CBR600RR leggermente rivista, oggi fanno la loro comparsa nuove immagini del propotipo destinato alla nuova categoria...

TELAIO: DERIVAZIONE CBR
Sì qualcosa, anzi, molto è cambiato soprattutto nel telaio che è stato modficato secondo le "rivoluzionarie" idee dei tecnici MZ: il tono sarcastico è ovviamente voluto, soprattutto perchè appare evidente come la parte bassa del telaio ed il forcellone siano di chiara derivazione CBR 2007, con una parte alta in tubi d'acciaio messa a punto per ospitare la possibilità di regolare a piacere l'angolo di sterzo: possibilità di cui il telaio originale fa a meno.

COME IN GARAGE
Per il resto, una preparazione che non va molto oltre quello che farebbe un buon preparatore "in garage" non c'è altro: forcella ed ammortizzatore Ohlins, impianto frenante Nissin con pompa radiale (lo stesso adottato dalla BMW S1000RR nel Mondiale SBK), cerchi forgiati, radiatore da competizione e scarico Leo Vince completo.

Airbox, dislocazione del serbatoio e molti altri accessori sono esattamente quelli proposti nel pacchetto di pezzi standard venduti in soluzione unica con la Honda CBR600RR stradale in concessionaria...

SE ARRIVASSE LA HB...
Vedremo la moto in gara? Forse sì, soprattutto se (come pensa il nostro buon Edoardo Licciardello) Waldmann riuscirà a convincere il suo storico sponsor HB a partecipare al progetto. Potrebbe essere un'ottimo modo per portare avanti lo sviluppo della moto e darne visibilità, sempre che una Moto2 così configurata sia a tutti gli effetti competitiva...

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top