Sport

pubblicato il 17 febbraio 2010

MotoGP 2012: nuovi dettagli sul regolamento 1.000

Si potrà correre con le 800. Nasce la categoria CTR per i privati

MotoGP 2012: nuovi dettagli sul regolamento 1.000

E' stato finalmente approvato il regolamento tecnico che sarà in vigore dalla stagione 2012. La Commissione Grand Prix, composta dal signor Carmelo Ezpeleta (CEO Dorna), Claude Danis (FIM), Hervé Poncharal (IRTA) e Takanao Tsubouchi (MSMA), alla presenza di Ignacio Verneda (FIM Sports Director), Javier Alonso (Dorna) e Paul Butler (Segertario della riunione), infatti, ha stabilito nella riunione tenutasi oggi, 17 febbraio 2010, le linee guida per la MotoGP che verrà.

Tutto confermato per quanto concerne la possibilità di utilizzare motori fino a 1.000 cc di cilindrata, 4 cilindri ed un alesaggio massimo di 81 mm, mentre ci sono importanti novità per quanto concerne il peso delle moto e la capacità del serbatoio.

Le moto fino a 1000 cc. di cilindrata dovranno avere un peso minimo di 153 kg, mentre per chi intenderà continuare a proporre motori da 800cc (cilindrata attualmente in uso) il peso minimo scenderà a 150 kg. Per quanto riguarda la capacità dei serbatoi per le moto appartenenti a team ufficiali sarà di 21 litri, con il numero massimo di motori che rimarrà di 6 per stagione.

Diversa la situazione per i team privati, che potranno sfruttare una normativa che sarà redatta ufficialmente alla fine di maggio. Tali team passeranno sotto la denominazione CTR (Claiming Rules Teams) e, in prima istanza, è stato approvato che questi possano usufruire di 12 motori per stagione, e che la capacità del serbatoio possa arrivare fino a 24 litri.

Un campionato a due velocità? Probabilmente sì, anche se messa così la cosa potrebbe apparire molto più interessante per un privato che per una Casa ufficiale. Cosa bolle in pentola?

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top