Attualità e Mercato

pubblicato il 1 febbraio 2010

Harley-Davidson: un 2009 nero

Utili giù di quasi il 90% rispetto al 2008

Harley-Davidson: un 2009 nero
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Harley-Davidson Electra Glide Ultra Limited 2010 - anteprima 1
  • Harley-Davidson Electra Glide Ultra Limited 2010 - anteprima 2
  • Harley-Davidson Electra Glide Ultra Limited 2010 - anteprima 3
  • Harley-Davidson Electra Glide Ultra Limited 2010 - anteprima 4
  • Harley-Davidson Electra Glide Ultra Limited 2010 - anteprima 5
  • Harley-Davidson Electra Glide Ultra Limited 2010 - anteprima 6

Per gli estimatori dei marchi Buell ed MV Agusta le informazioni relative ai risultati economici e finanziari di Harley-Davidson nel 2009 possono dare tutte le risposte sul perché il Costruttore americano ha deciso di vendere il blasonato marchio italiano e chiudere la fabbrica delle sportive americane.

I dati parlano chiaro: nel 2009 c’è stata un riduzione degli utili dell’89,7%, pari ad un passaggio dai 684,2 milioni di dollari del 2008 ai 70,6 milioni di dollari del 2009. Sono valori che danno un’idea di come al management della Casa di Milwaukee possa essere venuto in mente di privarsi degli altri due blasonati marchi del gruppo.

"I nostri risultati complessivi relativi al 2009 sono il frutto della crisi economica ma anche delle programmate azioni di ristrutturazione che abbiamo intrapreso che hanno causato un aggravio di costi di 224 milioni di dollari – ha dichiarato Keith Wandell, presidente e amministratore delegato di Harley-Davidson Inc. -. Crediamo di aver preso le corrette decisioni per il futuro e stiamo perseguendo la nostra strategia di rilancio con grande intensità."

Nonostante le incoraggianti dichiarazioni non è difficile prevedere che comunque anche il 2010 non sarà facile per l’industria motociclistica e quindi anche per Harley-Davidson, che potrebbe far registrare ulteriori perdite, in considerazione del fatto che le previsioni di vendita per il 2010 delle bicilindriche a stelle e strisce parlano di un ribasso nelle vendite compreso tra il 5 e il 10% rispetto al già difficile 2009.

"Focalizzare i nostri investimenti esclusivamente sul brand Harley-Davidson – prosegue Wandell – è l’unica via per una crescita futura di lungo periodo, sostenuta anche da un rinnovato slancio nel miglioramento dell’efficienza del ciclo produttivo."

Per quanto riguarda i ricavi la situazione è solo apparentemente meno difficile rispetto a quanto risulta in termini di utili: nel 2009 Harley-Davidson ha infatti incassato 4,78 miliardi di dollari, il 14% in meno rispetto ai 5,56 miliardi di dollari del 2008.

La strategia prospettata dal numero uno della Casa americana quindi è molto chiara: concentrarsi su ciò che si sa fare meglio e su ciò che più è apprezzato dalla clientela, ovvero moto custom di grande fascino e accuratezza costruttiva, tralasciando, almeno per ora, le chimere della differenziazione di prodotto. Un modo come un altro per dire che naked e supersportive non fanno parte del DNA della Casa americana.

freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Harley Davidson Fat Boy Special 2010 - anteprima 1
  • Harley Davidson Fat Boy Special 2010 - anteprima 2
  • Harley Davidson Fat Boy Special 2010 - anteprima 3
  • Harley Davidson Fat Boy Special 2010 - anteprima 4
  • Harley Davidson Fat Boy Special 2010 - anteprima 5
  • Harley Davidson Fat Boy Special 2010 - anteprima 6

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato


Top