Sport

pubblicato il 20 gennaio 2010

WSBK 2010, Tardozzi: BMW terza incomoda

Da metà stagione S1000RR competitiva, anche per la vittoria

WSBK 2010, Tardozzi: BMW terza incomoda
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • BMW S 1000 RR SBK - Phillip Island 2009 - anteprima 1
  • BMW S 1000 RR SBK - Phillip Island 2009 - anteprima 2
  • BMW S 1000 RR SBK - Phillip Island 2009 - anteprima 3
  • BMW S 1000 RR SBK - Phillip Island 2009 - anteprima 4
  • BMW S 1000 RR SBK - Phillip Island 2009 - anteprima 5
  • BMW S 1000 RR SBK - Phillip Island 2009 - anteprima 6

Vederlo con la divisa ufficiale della BMW Motorsport fa un certo effetto, ma a partire dai prossimi test di Portimao bisognerà farsene...una ragione: parliamo naturalmente di Davide Tardozzi, che a fine 2009 ha lasciato il ponte di comando del programma Ducati WSBK per sposare un progetto che potrebbe portarlo molto in alto.

Sì perchè nonostante a Monaco si continui a dire che per il momento la WSBK basta e avanza, è chiaro che l'obiettivo a medio termine sia quello della MotoGP, ed un team manager come l'ex-ducatista rappresenterebbe davvero l'uomo giusto per far partire l'avventura con il piede giusto: ricordiamo che BMW ha già sondato il terreno delegando all'italiana Oral Engineering la costruzione di un prototipo per la massima serie.

Nata come 1000, evoluta in 800, la tre cilindri "dell'elica" è stata poi congelata assieme a tutto il progetto MotoGP: progetto che, almeno nella parte motociclistica, vedremo in azione quest'anno, visto che la moto utilizzata dalla FB Corse altro non sarà che l'ultima evoluzione di quel prototipo.

Tornando alla WSBK, Tardozzi è stato molto chiaro: "Tutti si aspetteranno qualcosa da noi - afferma ai microfoni del sito ufficiale WSBK - ma è dura. Stiamo facendo dei passi avanti e forse il lavoro ora non basta per eliminare il gap che abbiamo nei confronti degli avversari. Stiamo lavorando tutti molto duramente e per me il punto di partenza sarà al termine dei test di Portimao. Solo allora capiremo quanto gap c'è tra noi e gli altri. So che entrambi i nostri piloti hanno il talento e penso proprio che una parte del mio lavoro consisterà nel motivare e riportare in alto Troy e Ruben. E' una grande scommessa che ho fatto con me stesso, ho bisogno che questi due ragazzi tornino sul podio."

"Mi aspetto una grande battaglia - aggiunge Tardozzi - tra lAprilia di Biaggi ed i due piloti Ducati, con Johnny Rea e Cal Crutchlow dietro di loro. Sono molto, molto convinto di Cal. James Toseland è un punto interrogativo, per me. Lo conosco molto bene e in questa fase ha bisogno di ritrovare ciò che ha perso in questi ultimi due anni. E' un buon pilota. Quando dimostrerà di aver ritrovato la fiducia necessaria, sicuramente tornerà a lottare per il podio."

"Da metà stagione in poi - conclude Tardozzi - credo che in qualche occasione riusciremo a combattere per il podio e forse, forse, faremo qualcosa di più."

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top