Curiosità

pubblicato il 18 gennaio 2010

Suzuki Gladius vince il "Good Design Award"

Alla naked di Hamamatsu l'ambito riconoscimento nipponico

Suzuki Gladius vince il "Good Design Award"
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Suzuki Gladius 2010 - anteprima 1
  • Suzuki Gladius 2010 - anteprima 2
  • Suzuki Gladius 2010 - anteprima 3
  • Suzuki Gladius 2010 - anteprima 4
  • Suzuki Gladius 2010 - anteprima 5

In vetta alla hit delle vendite anche in Italia, Suzuki Gladius si è aggiudicata recentemente l'ambitissimo premio "Good Design Award" nella categoria moto. Il riconoscimento, istituito dalla Japan Industrial Design Promotion Organization (JIDPO), non è certamente un evento nuovo per la Casa di Hamamatsu: già nel 2003, nel 2005 e nel 2006, infatti, Burgman 650, l'autovettura Swift e la quadricilindrica scarenata GSR erano riuscite nella storica impresa.

Nata per essere la entry level della gamma naked Suzuki, pur senza far mancare nulla di tutto quello che serve in termini di look e piacere di guida, Suzuki Gladius guarda di buon occhio anche al pubblico femminile, grazie ad una sella posta ad "appena" 785 mm da terra.

Telaio a traliccio di tubi d'acciaio, forcella da 41 mm e forcellone posteriore dotato di leveraggio progressivo e monoammortizzatore, la ciclistica di Gladius è pensata per assicurare stabilità e sicurezza: 1.445 mm di passo e 25° di inclinazione del cannotto di sterzo, infatti, sono valori generosi, pensati per mettere a proprio agio il motociclista più esperto così come il neofita. 190 kg a secco, la V2 di casa Suzuki arriva in concessionaria con due dischi da 290 mm di diametro davanti ed uno singolo da 240 dietro, "gestiti" da pinze ad attacco assiale.

645 cc, raffreddato a liquido ed alimentato per mezzo di un sistema di iniezione elettronica, il cuore di Gladius rappresenta uno dei motori più longevi presenti oggi nella gamma Suzuki: un fattore che permette di dormire sonni tranquilli in termini di affidabilità, pur senza mettere da parte le "dovute" caratteristiche prestazionali di un motore di concezione moderna.

I 72 CV, assicurano i tecnici Suzuki, sono erogati in modo estremamente regolare, grazie anche ad elementi come le doppie candele all'iridio o la completa rivisitazione dell'elettronica (rispetto a quando proposto su SV 650), che tra le altre cose hanno anche permesso di contenere del 10% consumi e le emissioni (Euro3).

La gamma 2010 di Gladius si arricchisce di due nuove livree: il grigio ed il nero/rosso, che vanno ad affiancarsi alle già esistenti colorazioni blu met/bianco perlato, nero/verde, rosso ciliegia/bianco perlato e nero.

Autore: Redazione

Tag: Curiosità


Top