Sport

pubblicato il 4 gennaio 2010

Dakar 2010: un po' di sfortuna per i piloti Aprilia

Lopez finisce la benzina, cadono Farres e Ceci

Dakar 2010: un po' di sfortuna per i piloti Aprilia
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Aprilia RXV 4.5 - Dakar 2010 - 2^ tappa - anteprima 1
  • Aprilia RXV 4.5 - Dakar 2010 - 2^ tappa - anteprima 2
  • Aprilia RXV 4.5 - Dakar 2010 - 2^ tappa - anteprima 3
  • Aprilia RXV 4.5 - Dakar 2010 - 2^ tappa - anteprima 4
  • Aprilia RXV 4.5 - Dakar 2010 - 2^ tappa - anteprima 5
  • Aprilia RXV 4.5 - Dakar 2010 - 2^ tappa - anteprima 6

La sfortuna ha frenato domenica la gara di Francisco Lopez. Il cileno, quinto sabato nella prima tappa, era partito all’attacco domenica mattina nella seconda tappa della Dakar 2010, da Cordoba a La Rioja. A suo agio in sella all'Aprilia RXV 4.5, il cileno aveva raggiunto David Fretigne, risultato poi vincitore, ma a cinque chilometri dal rifornimento è rimasto senza carburante. Solo facendosi prestare qualche litro è riuscito a raggiungere il punto previsto, ma ha ovviamente perso molto tempo, concludendo la tappa solo al 25° posto, staccato di venti minuti da Fretigne.

La giornata di domenica è stata molto impegnativa, per la pioggia che ha iniziato a cadere la notte e che ha accompagnato tutta la prima parte della gara. La speciale di 294 chilometri, molto tecnica, nella prima parte ha creato molti problemi ai piloti a causa del fango e del terreno scivoloso. Poi il fondo è via via migliorato e al bivacco di La Rioja, nell’omonima provincia argentina, la temperatura ha raggiunto i 40 gradi.

Migliore dei piloti Aprilia nella seconda tappa è stato quindi Gerad Farres, che nonostante una caduta al chilometro 140 nella quale ha picchiato il ginocchio, è stato molto veloce chiudendo in decima posizione assoluta, staccato di dieci minuti dalla vetta. Ottima gara anche per Paolo Ceci, anch’egli autore purtroppo di una scivolata. Con il suo passo costante il modenese ha concluso tredicesimo, mentre per Alex Zanotti è stata un’altra giornata sfortunata. Partito 85° ha trovato tutta la prima parte della speciale ai limiti della praticabilità, cosa che ha costretto tutti i piloti a procedere a velocità ridotta; poi si è fermato ad aiutare il pilota turco che lo aveva durante la prima tappa, rimasto con la moto intrappolata in una morsa di fango.

Nella classifica generale Farres è ora ottavo, mentre Lopez occupa la tredicesima posizione e Ceci è quindicesimo. Zanotti è 85° in seguito a una penalità di trenta minuti comminatagli per aver superato ieri i limiti di velocità in un tratto controllato.

LE DICHIARAZIONI
Francisco Lopez: "Sono veramente demoralizzato. Stavo andando veramente bene, la moto era perfetta e questa cosa (la benzina finita, ndr) non ci voleva proprio. La gara è ancora lunga, ma partire così non aiuta certo a mantenere calma e concentrazione."

Paolo Ceci: "Questa mattina era veramente terribile, pioveva e c’era la nebbia, non si vedeva niente. La prima parte della speciale era molto scivolosa, poi fortunatamente è migliorata. Al chilometro 150 sono anche caduto, una scivolata fortunatamente senza conseguenze. Oggi in molti tratti sembrava di essere in Sardegna."

Gerard Farres: "Oggi era una bella tappa, difficile e tecnica e mi sono trovato bene. Purtroppo sono caduto dopo 140 chilometri e ho il ginocchio gonfio."

Alex Zanotti: "Partendo indietro ho trovato un vero macello nei primi quaranta chilometri, dovevo andare a passo d’uomo assieme ai quad. Poi ho iniziato ad andare con il mio ritmo, ma mi sono dovuto fermare ad aiutare il pilota turco che mi aveva dato una mano ieri."

Oggi lunedì 4 gennaio, terza tappa, da La Rioja a Fiambala, 441 km di cui 182 di prova speciale.

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top