Sport

pubblicato il 1 gennaio 2010

Dakar 2010: zucchero nella Yamaha di Picco

Nonostante lo "scherzo" di cattivo gusto, Franco sarà al via

Dakar 2010: zucchero nella Yamaha di Picco
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Dakar 2010: vis à vis con Franco Picco - anteprima 1
  • Dakar 2010: vis à vis con Franco Picco - anteprima 2
  • Dakar 2010: vis à vis con Franco Picco - anteprima 3
  • Dakar 2010: vis à vis con Franco Picco - anteprima 4
  • Dakar 2010: vis à vis con Franco Picco - anteprima 5
  • Dakar 2010: vis à vis con Franco Picco - anteprima 6

Inizio thrilling per Franco Picco alla Dakar sudamericana. Il pilota vicentino, che abbiamo intervistato qualche giorno dalla sua partenza per la corsa, è stato infatti vittima di un incredibile contrattempo alla sua Yamaha WR450F ufficiale.

Dopo aver percorso gli 80 km che l'hanno portato dal porto in cui sono state consegnate le moto ai piloti al parco chiuso di Buenos Aires, infatti, il guru dei rally raid si è accorto che nei serbatoi della sua moto erano state svuotate alcune buste di zucchero.

Niente di più antisportivo nei confronti di un "pilota vero" come il portacolori italiano della Yamaha, che si è ritrovato costretto a lavorare tutta la notte per essere pronto alle verifiche pregara.

Lo spiacevole contrattempo, in ogni caso, non minerà più di tanto il buon umore di Franco, che pochi giorni prima della partenza si è dimostrato estremamente positivo e rilassato: nonostante l'appetito venga mangiando, come dichiarato ai nostri microfoni, la partecipazione di Picco alla Dakar non è certamente nata con l'idea di chiudere la corsa in prima posizione: è dunque ancor più inspiegabile l'increscioso fatto di cui è stato passivo protagonista.

Domani la carovana della Dakar partirà da Buenos Aires davanti a 700.000 persone: Franco sarà sicuramente un grande protagonista, se non altro per la professionalità e la passione che lo contraddistingue da sempre. Anche di fronte all'invidia.

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top