Sport

pubblicato il 15 dicembre 2009

De Angelis e Canepa in Moto2 col Team Scot

Team e piloti "da MotoGP" per una stagione al top

De Angelis e Canepa in Moto2 col Team Scot
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • MotoGP 2009, Phillip Island, Alex De Angelis - anteprima 1
  • MotoGP 2009, Phillip Island, Alex De Angelis - anteprima 2
  • MotoGP 2009, Phillip Island, Alex De Angelis - anteprima 3
  • MotoGP 2009, Phillip Island, Alex De Angelis - anteprima 4
  • MotoGP 2009, Phillip Island, Alex De Angelis - anteprima 5
  • MotoGP 2009, Phillip Island, Alex De Angelis - anteprima 6

Alex De Angelis e Niccolò Canepa: due destini che si incroceranno dopo aver percorso strade "parallele" nel corso della stagione MotoGP 2009 Il sammarinese e l'italiano, infatti, correranno Team Scot di Cirano Mularoni, ma non nella massima classe bensì in quella Moto2 in cui, il prossimo anno, numerosi piloti e Team Manager ex-MotoGP si ritroveranno a dare battaglia.

"Il team di Cirano Mularoni - ha dichiarato De Angelis ai microfoni di MotoGP.com - si trova a non più di 500 metri da casa mia e ritrovo il capo tecnico che ha accompagnato le mie ultime due ultime stagioni in 250 (Pietro Caprara), quindi, come base di partenza, non posso proprio lamentarmi. Il contratto è di un solo anno perché l'obiettivo è quello di tornare in MotoGP il prima possibile."

"È da tempo che pensiamo ad Alex de Angelis - afferma il sammarinese Mularoni, Team Manager del Team Scot - come pilota della nostra squadra. Un sogno tutto sammarinese, che avremmo voluto realizzato in MotoGP, ma che prenderà il via dalla nuova classe Moto2: un campionato innovativo che penso si dimostrerà molto interessante dal punto di vista dello spettacolo."

"Accanto ad Alex ci sarà Niccolò Canepa - aggiunge Mularoni - profondo conoscitore delle 4 tempi; il genovese non sarà soltanto uno dei punti di riferimento del Campionato ma contiamo sulle sue doti di collaudatore, per lo sviluppo del nostro prototipo; siamo consci di aver creato una moto che racchiude tutto il know how generato in anni di competizioni ad alto livello ma non dobbiamo trascurare la delicatissima fase di test postproduzione."

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top