Curiosità

pubblicato il 14 dicembre 2009

Zanardi a Monza con la BMW HP2 Sport

"Una giornata fantastica. Spero ci sia una nuova puntata..."

Zanardi a Monza con la BMW HP2 Sport
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Zanardi a Monza con la BMW HP2 Sport - anteprima 1
  • Zanardi a Monza con la BMW HP2 Sport - anteprima 2
  • Zanardi a Monza con la BMW HP2 Sport - anteprima 3
  • Zanardi a Monza con la BMW HP2 Sport - anteprima 4
  • Zanardi a Monza con la BMW HP2 Sport - anteprima 5
  • Zanardi a Monza con la BMW HP2 Sport - anteprima 6

Alessandro Zanardi è tornato sulla pista di Monza in una veste molto speciale: quella del motociclista. Grazie all'iniziativa di Riders Italian Magazine e BMW Motorrad Italia, il pilota italiano portacolori della BMW nel WTCC ha percorso alcuni giri in sella ad una HP2 Sport, dotata di uno speciale allestimento che gli ha permesso di cambiare e frenare senza trovare particolari limiti nel suo handicap fisico (ha perso parte di entrambe le gambe), che porta con sé dal terribile incidente al Lausitzring del settembre 2001 avvenuto durante la tappa europea della Champ Car (la F1 americana).

Alessandro, dopo aver trovato la corretta posizione in sella e verificato la funzionalita dei servocomandi, sviluppati dalla Guidosimplex, per intervenire manualmente sul cambio e sull'impianto frenante della HP2 Sport, ha inanellato una serie di giri, migliorando curva dopo curva il feeling con la velocissima boxer dell'elica.

Alessandro Zanardi alla fine del turno ha dichiarato "Grazie agli amici di Riders che hanno coinvolto il sottoscritto e BMW Motorrad Italia in questo tentativo apparentemente complicato, ho vissuto una giornata fantastica che mi ha permesso di riassaporare sensazioni così belle, che non ricordavo. Spero ci sia una prossima puntata perché se la HP2 Sport mi ha fatto divertire così tanto non immagino quanto possa fare la S1000RR..."

La normativa attuale, grazie all’abrogazione del 5 comma dell'art.327 del Codice della Strada che impediva il rilascio o la conferma della patente per conducenti con minorazioni agli arti, consente dal 2003 ai portatori di disabilità più o meno gravi di tornare alla guida della moto. Per salire in sella serve il parere positivo di un comitato tecnico/medico (art .119 cds).

Il futuro di "Zanna", naturalmente, parla dell'ennesima avventura nel Campionato del Mondo Turismo al volante della BMW ufficiale...ma conoscendolo, lo sfrecciare a 263 km/h su due ruote deve avergli acceso qualche lampadina...

Autore: Redazione

Tag: Curiosità


Top