Curiosità

pubblicato il 14 dicembre 2009

MV Agusta F3 2011: il prototipo in pista

Sessione di test ad Almeria con la 3 cilindri da 675 cc

MV Agusta F3 2011: il prototipo in pista
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • MV Agusta F3 2011 - primi test in pista - anteprima 1
  • MV Agusta F3 2011 - primi test in pista - anteprima 2
  • MV Agusta F3 2011 - primi test in pista - anteprima 3

Arrivano dal forum on line mvagusta.net le immagini di una sessione in pista di quella che con ogni probabilità è la futura "F3", come già da tempo ormai la chiamano in molti. Si tratterebbe della sportiva a tre cilindri in linea con cilindrata presunta di 675 cc con cui la Casa di Schiranna sferrerebbe il suo attacco nel combattuto segmento delle supersport.

Osservandola attentamente si notano diversi particolari che fanno intuire possa trattarsi proprio del futuro modello di media cilindrata. Il sistema di scarico innanzitutto è basso e sulla destra anziché sotto al codone che, infatti, come si vede nella fotografia del collaudatore in piega, arriva fino a sostenere lo strapuntino dell’eventuale passeggero.

La carena è quella della F4 ma il motore è evidentemente parecchio più piccolo perché sia nella vista di tre quarti che in quella laterale c’è abbondanza di spazio dietro le posticce sovrastrutture. Sembra del tutto nuovo anche il monobraccio, dalla forma molto arcuata e caratterizzato dal passaggio quasi "interno" della catena di trasmissione finale.

La linea della moto sarà sicuramente una sorpresa; filante ed essenziale farà probabilmente delle dimensioni ultracompatte il suo biglietto da visita, con richiami alla tradizione decennale dell’F4 introducendo nel segmento delle medie supersport quel tocco di italianità che manca da troppo tempo.

Il fatto che il prototipo, seppure abbondantemente camuffato, sia già in pista per i collaudi lascia presagire una presentazione entro la fine del 2010 per un lancio sul mercato nella primavera 2011. Non ci resta che attendere altre ‘spy-photo’ che sicuramente, nel corso dei prossimi mesi, non mancheranno dato che i collaudi sono soltanto all’inizio.

Autore: Redazione

Tag: Curiosità


Top