Curiosità

pubblicato il 9 dicembre 2009

Memorial Bettega: Rossi eliminato nelle qualificazioni

"Mi sono divertito, come al solito. Loro hanno più mano"

Memorial Bettega: Rossi eliminato nelle qualificazioni
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Memorial Bettega 2009, Valentino Rossi - anteprima 1
  • Memorial Bettega 2009, Valentino Rossi - anteprima 2
  • Memorial Bettega 2009, Valentino Rossi - anteprima 3
  • Memorial Bettega 2009, Valentino Rossi - anteprima 4
  • Memorial Bettega 2009, Valentino Rossi - anteprima 5
  • Memorial Bettega 2009, Valentino Rossi - anteprima 6

La velocità e la determinazione con cui affronta i suoi impegni a quattro ruote questa volta non sono bastati per portarlo sul podio. L'avventura di Valentino Rossi al Memorial Bettega, infatti, si è conclusa nei gironi di qualificazione...pur rimanendo in corsa per la conquista di un posto in semifinale sino alla sfida "impossibile" con Sebastien Ogier (dal quale ha preso un secco 2-0).

Le cose sarebbero certamente potute andare meglio se solo non si fosse rotto un differenziale nella sfida con Simone Campedelli e se Gronholm non si fosse reso protagonista di un sospetto di "biscotto" nella sfida con Ogier, girando su tempi estremamente bassi per favorire l'amico francese: "Gronholm - ha scherzato Rossi - nell’ultima sfida di ieri sera non è andato fortissimo, però è un mio amico, se lo ha fatto davvero dovrei andare a parlarci."

LORO HANNO PIU' MANO
"Qui è sempre divertente correre - aggiunge il tavulliano - perché è una gara particolare. Sono stato piuttosto veloce e penso di essermela giocata bene con i rallisti veri, perché mi mancavano solo sei-sette decimi al giro per fare i tempi di quelli buoni. Loro hanno la macchina molto più in mano di me e qui che si fa del rally vero, non come a Monza che alla fine si è in pista, loro fanno la differenza. Comunque è bello sfidarli, anche per capire quanto sono lontano dal top. Ho avuto anche un po’ di sfortuna dal punto di vista tecnico, ma va bene così: pagherei per chiudere così anche l’anno prossimo, perché alla fine il mio lavoro è un altro e oggi sono qui solo per divertirmi."

BRIVIO DIXIT: CORAGGIO E CUORE
Anche il team manager della Yamaha Davide Brivio ha parlato della prestazione di Valentino: "Io penso che abbia avuto un grande coraggio ed un grande cuore a presentarsi qui nell’arena con tutti questi grossi nomi. E’ chiaro che se affronti una gara con Hirvonen, Solberg e Gronholm non è che pensi di andare a batterli. La sfida era un po’ quella di vedere il suo livello, anche se questo non è un rally vero. Per lui che ha un certo bagaglio di esperienza da recuperare penso che i pochi giri di prove libere a disposizione possano essere stati un handicap. E’ normale, non è un pilota esperto, ma per me ci ha messo grande sportività".

UN FUTURO NEI RALLY? PER ME CHISSA'...
"Dal punto di vista personale - ha aggiunto Brivio - una sfida nuova mi attirerebbe molto professionalmente. Ma questo è proprio un discorso generale, anche se con Valentino sarebbe ancora più bello e sicuramente mi piacerebbe seguirlo se lui facesse una scelta di questo tipo. Però dipende da tante cose perché magari lui va a correre nei rally e poi non ha bisogno di me, quindi io rimango alla Yamaha".

Una nota di colore: durante l’incontro con la stampa è arrivata per incontrare Valentino anche la showgirl Raffaella Fico, valletta di Enrico Papi nella trasmissione "Prendere o Lasciare", nota però soprattutto per il suo flirt con l’ex Pallone d’Oro Cristiano Ronaldo.

Autore: Redazione

Tag: Curiosità


Top