Sport

pubblicato il 7 dicembre 2009

Motor Show 2009: Bomboogie Xtreme Motard

Cristian Ravaglia è il più determinato

Motor Show 2009: Bomboogie Xtreme Motard
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Motor Show 2009: Boombogie Xtreme - anteprima 1
  • Motor Show 2009: Boombogie Xtreme - anteprima 2
  • Motor Show 2009: Boombogie Xtreme - anteprima 3
  • Motor Show 2009: Boombogie Xtreme - anteprima 4
  • Motor Show 2009: Boombogie Xtreme - anteprima 5
  • Motor Show 2009: Boombogie Xtreme - anteprima 6

L’Area 48 del Motor Show 2009 cambia la sua configurazione per gli ultimi due giorni dell’edizione 2009, passando da quella "pistaiola" a quella "off-road". L’attenzione viene calamitata soprattutto dall’arrivo di Valentino Rossi e dal Memorial Bettega, ma anche il Bomboogie Xtreme Supermotard ha regalato spettacolo al caloroso pubblico che ha riempito gli spalti nonostante un clima piovoso e tutt’altro che mite.

Anche se quest’anno l’appuntamento è stato disertato dai piloti di MotoGp e di Superbike, che ormai avevano abituato alla loro presenza, lo spettacolo non è mancato grazie alla grinta degli specialisti della categoria. Tantissimi gli scambi di posizione dei primi giri della finalissima, con la pioggia che ha reso molto difficili le condizioni del tracciato, provocando diverse cadute, tra cui quella di Adrien Chareyre, sicuramente uno dei grandi favoriti della vigilia, che non è riuscito neanche a completare il primo giro.

Il successo è andato a Cristian Ravaglia, protagonista di una rimonta clamorosa nella seconda parte della gara, culminata con il sorpasso decisivo ai danni di Fabio Balducci, arrivato a tre tornate dal termine, quando ha sfoderato anche il giro più veloce della corsa. Il pilota della Yamaha poi è stato bravissimo a rintuzzare i tentativi di risposta dell’avversario e alla fine l’ha spuntata per poco meno di un secondo.

Terzo gradino del podio per Lorenzo Mariani, bravo a sfruttare la confusione delle prime fasi per portarsi al comando, senza però riuscire a tenere il passo dei primi due una volta che il gruppo si è sgranato, come testimonia il suo giro veloce più alto di oltre un secondo e mezzo rispetto a quello del vincitore.

Quarto posto finale per il grande Eddy Seel, che ha pagato una caduta nei primi metri di gara, ma poi è risalito a suo di temponi, fermandosi proprio ai piedi del podio.

Autore: Matteo Nugnes

Tag: Sport


Top