Curiosità

pubblicato il 30 novembre 2009

Coppia di backflip per la Harley Davidson XR1200

Kain Saul e Chuck Carothers protagonisti di un'impresa storica per le V-Twin USA

Coppia di backflip per la Harley Davidson XR1200
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Coppia di backflip per la Harley Davidson XR1200 - anteprima 1
  • Coppia di backflip per la Harley Davidson XR1200 - anteprima 2
  • Coppia di backflip per la Harley Davidson XR1200 - anteprima 3
  • Coppia di backflip per la Harley Davidson XR1200 - anteprima 4
  • Coppia di backflip per la Harley Davidson XR1200 - anteprima 5
  • Coppia di backflip per la Harley Davidson XR1200 - anteprima 6

Le imprese di Kain Saul e di Chuck Carothers non sono da considerarsi eccezionali per il gesto gesto sportivo in sé, dato che il backflip è ormai all'ordine del giorno tra i pro del freestyle, ma per il veicolo utilizzato, dato che portare a compimento una manovra simile verrà considerata una piccola impresa nella storia della Harley Davidson: al posto di una moto da cross specificatamente messa a punto per l'impresa, infatti, i bravissimi piloti della Casa di Milwaukee hanno "messo a testa in giù" una XR1200 che, seppur preparata per l'impresa, rimane pur sempre una moto da 250 kg!

E' più che evidente, infatti, che la velocità di esecuzione dei due backflip non è certamente quella a cui i funamboli della categoria ci hanno abituato (al punto che oggi "qualcuno", come Travis Pastrana, riesce a metterne assieme due) e la cosa non permette certamente di dormire sogni tranquilli se solo si pensa di portare moto e manovra in contesti di pubblico internazionale, come fatto da Carothers in uno show a Praga.

Due eventi spettacolari ai quali i due piloti si sono preparati in modo leggermente diverso: la moto protagonista dell'evento nel Vecchio Continente, infatti, appare sostanzialmente di serie, mentre quella del video girato in Australia è stata preparata in alcuni dettagli della ciclistica: tra le news la forcella di derivazione MX, gli ammortizzatori posteriori a corsa lunga ed una specifica gommatura cross. Sarà forse grazie a questi accorgimenti che tra i due salti il più riuscito sembra essere quello di Saul, dato che ha chiuso il trick esultando sulla moto contrariamente a Carothers alla quale la Harley è sfuggita di mano dopo aver toccato terra. A discolpa del bravissimo Chuck va detto che la ridotta corsa delle sospensioni della XR1200 non è certamente quanto di meglio si possa chiedere per portare a termine un gesto tecnico simile.

Una piccola considerazione vorremmo estenderla alla XR preparata da Saul: un po' scrambler, molto anni '70, la XR1200 rialzata e vestita con un kit enduro potrebbe essere un veicolo interessante per chi è alla ricerca di una passista che guardi di buon occhio al passato. Anche senza l'uscita di scena della sfortunata ma concettualmente più moderna cugina Buell Ulysses, effettivamente, un prodotto del genere potrebbe anche avere un senso...

Kain Saul in back flip su Harley Davidson XR1200

Kain Saul in back flip su Harley Davidson XR1200

Il back-flip di Chuck Carothers sulla Harley Davidson XR1200

Il back-flip di Chuck Carothers sulla Harley Davidson XR1200

Autore: Redazione

Tag: Curiosità


Top