Sport

pubblicato il 27 novembre 2009

Aprilia SBK pronta a prendere il volo con Alitalia

Sembra vicino l'accordo tra le realtà gestite da Colaninno

Aprilia SBK pronta a prendere il volo con Alitalia
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • WSBK 2009, Team Aprilia - anteprima 1
  • WSBK 2009, Team Aprilia - anteprima 2
  • WSBK 2009, Team Aprilia - anteprima 3
  • WSBK 2009, Team Aprilia - anteprima 4
  • WSBK 2009, Team Aprilia - anteprima 5
  • WSBK 2009, Team Aprilia - anteprima 6

La prima stagione mondiale della neonata Aprilia RSV4 SBK è stata a dir poco eccezionale. Una vittoria (Biaggi a Brno 1) e nove podi (Biaggi in Qatar 1 e 2, Donington 1, Brno 2, Imola 1, Magny Cours 1 e 2, Portimao 1; Simoncelli a Imola 2), infatti, sono risultati che nessuno mai prima d'oggi aveva ottenuto al suo primo anno d'attività nel Mondiale per derivate di serie.

Una situazione che ha creato non poco interesse attorno ad una squadra che tra le sue particolarità ha anche quella di annoverare nella line-up piloti un quattro volte Campione del Mondo come Max Biaggi, ma che non sembra aver portato molto in termini di sponsorizzazioni al team. La parola "sembra" non l'abbiamo usata casualmente, perchè in effetti sembra che alcune aziende (la Came, cancelli automatici, in primis) si siano più volte fatti avanti per trasformare la loro ridotta presenza sulle carene in qualcosa di più, ottenendo però risposte negative.

La volontà degli uomini di Noale, infatti, è stata quella di investire quasi del tutto autonomamente sul progetto portando in pista una moto che fosse simile, in termini estetici, ad una "normale" RSV4 Factory con tabelle portanumero bianche e terminale Akrapovic: un'idea molto gradita alla clientela, che ha consentito al mkt del Reparto Corse di "prendersela comoda" nelle trattative con un certo tipo di aziende multinazionali (terziaro e trasporti), a cui il Gruppo Piaggio preferirebbe associare il proprio marchio più sportivo nell'impegno Mondiale.

Senza nulla togliere a nessuno insomma, e levata di torno la paura di essere vittima della scontata battuta "ma è un cancello?", a Noale ora stanno vagliando con attenzione una proposta che arriva da una azienda la cui proprietà e gestione sono molto vicine a quelle del Gruppo Piaggio, l'Alitalia, che tornerebbe così alle corse dopo aver lasciato un ricordo indelebile nella memoria degli appassionati d'automobilismo vestendo vetture da rally mitiche come le Fiat 131 Abarth o le Lancia Stratos pilotate da Sandro Munari.

Le trattative tra la nuova Alitalia ed il Gruppo Piaggio sembrano essere molto vicine alla conclusione e la comunicazione dell'accordo potrebbe essere data nei prossimi giorni: potrebbe essere davvero il plus che mancava per...prendere il volo!

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top