Novità

pubblicato il 16 novembre 2009

Aprilia Atlantic 300

Nuova declinazione per l'elegante passista di Noale

Aprilia Atlantic 300
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Aprilia Atlantic 300 - anteprima 1
  • Aprilia Atlantic 300 - anteprima 2
  • Aprilia Atlantic 300 - anteprima 3
  • Aprilia Atlantic 300 - anteprima 4
  • Aprilia Atlantic 300 - anteprima 5
  • Aprilia Atlantic 300 - anteprima 6

Torna in concessionaria uno degli scooter della Casa di Noale più apprezzati dell'ultimo lustro, seppur in cilindrata inedita: parliamo del "nuovo" Aprilia Atlantic 300, ultima evoluzione di un veicolo che nel corso della sua storia ha rappresentato una comoda soluzione per la mobilità urbana nelle versioni di cilindrata medio bassa ed una valida alternativa ai maxi passisti nelle cilindrate 400 e 500.

Insomma, uno scooter "tuttofare", richiesto a gran voce dalla clientela ed oggi riproposto in una cilindrata che sembra andare per la maggiore, in quanto capace di assicurare performance interessanti senza dover richiedere particolari sforzi in termini di manutenzione e costi di mantenimento.

Certo, come accade per quasi tutti gli altri produttori, la sigla 300 non corrisponde alla cilindrata effettiva del monocilindrico Piaggio, ma bisogna ammettere come questa unità - già vista su modelli Vespa, Scarabeo e Piaggio - sia davvero qualcosa in più rispetto ai classici 250, nonostante una cilindrata "contenuta" in 278 cc.: 22.4 CV e 23.8 Nm di coppia a 5.750 giri, infatti, sono valori estremamente interessanti, soprattutto se ben orchestrati in termini di erogazione da un sistema di iniezione elettronica che guarda di buon occhio anche ai consumi: un elemento, quest'ultimo, estremamente importante per un "possibile viaggiatore" come l'Atlantic 300, che punta sui 9,5 litri di capienza del serbatoio per assicurare una delle autonomie più elevate del suo segmento.

Caratterizzato da un telaio a culla chiusa, progettato per rappresentare il miglior compromesso tra comfort e precisione di guida, Atlantic 300 propone una forcella con steli da 35 mm di diametro ed una coppia di ammortizzatori regolabili su 5 posizioni a gestione dell'oscillazione del gruppo motopropulsore, che svolge anche il compito di braccio della sospensione.

Ruote da 13", frenata combinata con pinza a triplo pistoncino anteriore, Atlantic 300 non si fa mancare nulla nemmeno in termini di spazio: il vano sottosella (illuminato, rivestito e dotato di presa 12V) è uno dei più capienti della categoria così come si pone ai vertici la capienza del vano portaoggetti situato dietro lo scudo.

Tra gli accessori disponibili segnaliamo il parabrezza alto con paramani, la borsa tunnel da 50 litri, lo schienalino passeggero, il baule Street Case II 47 litri verniciato in tinta con la carrozzeria, il baule City 35 litri verniciato in tinta con la carrozzeria e personalizzato Atlantic ed il telo copriveicolo.

Autore: Redazione

Tag: Novità


Top